______

Enrico Letta parla (in inglese) a una platea italiana. E si rivolge soprattutto agli investitori esteri.  "In questa settimana - afferma il premier durante il 'Financial Times Future of Italy Summit 2013'. - verrà presentato il piano di privatizzazione che si sta discutendo in questi giorni al ministero dell'Economia". Non solo: ""Metteremo in campo nuovi strumenti per favorire l'occupazione. Ma "niente rivoluzioni. L'Italia uscirà dalla crisi un passo alla volta".

Il focus del discorso di Letta è attraversato da un unico filo conduttore: la stabilità. "Nel 2013 abbiamo fermato la corsa dei tassi d'interesse. Il 2014 sarà un anno decisivo". La settimana lasciata alle spalle è stata travagliata: le bacchettate dell'Ue, la scissione nel secondo partito di maggioranza e la corsa alla segreteria Pd. Ne viene fuori, afferma Letta, un governo più saldo: "Abbiamo iniziato il nostro lavoro con grandi turbolenze, ora spero di lavorare con situazione più stabile e più chiara". Una stabilità che passa anche dal Partito Decocratico. Anche su questo argomento, il premier tranquillizza: "Con Renzi e con il Pd condividiamo lo stesso percorso. Siamo sulla stessa linea". 

Poi, sull'Ue, è Letta che restituisce la bacchettata a Bruxelles: "La commissione europea deve capire che il sentimento antieuropeo sta crescendo e se non lo capirà potremmo avere il prossimo anno il parlamento europeo più antieuropeo della storia".

2013-11-18T10:00:20.957+01:002013-11-18T10:00:00+01:00truetrue1056116falsefalse3Economia/economia4130786314662013-11-18T10:00:21.02+01:0010562013-11-18T19:39:47.643+01:000/economia/letta-ft181113false2013-11-18T19:39:49.61+01:00307863it-IT102013-11-18T10:00:00"] }
A- A+
Economia
enrico letta 500 (2)

______

Enrico Letta parla (in inglese) a una platea italiana. E si rivolge soprattutto agli investitori esteri.  "In questa settimana - afferma il premier durante il 'Financial Times Future of Italy Summit 2013'. - verrà presentato il piano di privatizzazione che si sta discutendo in questi giorni al ministero dell'Economia". Non solo: ""Metteremo in campo nuovi strumenti per favorire l'occupazione. Ma "niente rivoluzioni. L'Italia uscirà dalla crisi un passo alla volta".

Il focus del discorso di Letta è attraversato da un unico filo conduttore: la stabilità. "Nel 2013 abbiamo fermato la corsa dei tassi d'interesse. Il 2014 sarà un anno decisivo". La settimana lasciata alle spalle è stata travagliata: le bacchettate dell'Ue, la scissione nel secondo partito di maggioranza e la corsa alla segreteria Pd. Ne viene fuori, afferma Letta, un governo più saldo: "Abbiamo iniziato il nostro lavoro con grandi turbolenze, ora spero di lavorare con situazione più stabile e più chiara". Una stabilità che passa anche dal Partito Decocratico. Anche su questo argomento, il premier tranquillizza: "Con Renzi e con il Pd condividiamo lo stesso percorso. Siamo sulla stessa linea". 

Poi, sull'Ue, è Letta che restituisce la bacchettata a Bruxelles: "La commissione europea deve capire che il sentimento antieuropeo sta crescendo e se non lo capirà potremmo avere il prossimo anno il parlamento europeo più antieuropeo della storia".

Tags:
lettaftcrisiripresa
i più visti
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.