A- A+
Economia

Il pm di Milano Luigi Orsi ha chiuso l'indagine sulle presunte consulenze fittizie conferite a Salvatore Ligresti da Milano Assicurazioni per un compenso di 7,5 milioni di euro. Nella indagine e' indagato l'ex ad di Fondiaria-Sai, Emanuele Erbetta, accusato di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture e altre documenti per operazioni inesistenti.

Secondo il pm, Erbetta, ex condirettore generale di Milano Assicurazioni, nella sua veste di firmatario della dichiarazione dei redditi "al fine di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto", avvalendosi anche di documenti emessi da Salvatore Ligresti "sulla base di un apparente e fittizio incarico di collaborazione professionale" per la societa', avrebbe indicato nella dichiarazione annuale "elementi passivi fittizi" per un totale di 7,5 milioni di euro.

Il reato di dichiarazione fraudolenta e' contestato a partire dal 29 settembre 2008 fino al 30 settembre 2011. La magistratura sta compiendo accertamenti su circa 40 milioni di euro di consulenze fittizie conferite a Ligresti, che e' indagato in uno stralcio dell'inchiesta ancora aperto.

Tags:
ligrestiemanuele erbettamilano assicurazioni

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.