A- A+
Economia
Vendita o sbarco a Piazza Affari: Liu Jo studia la svolta

Liu Jo studia la svolta. Il gruppo di moda con sede a Carpi, nel modenese, ha avviato una procedura di dual track per decidere il futuro del gruppo. A riferirlo, citando fonti vicine al dossier, è Reuters, secondo cui i fratelli Marchi, proprietari del brand, avrebbero scelto questa strada per risolvere i contrasti sulla strada da intreprendere.

Vannis Marchi, 67 anni, punta infatti a vendere il 36,8% del capitale, mentre il fratello Marco, 52 anni, a cui fa capo il 50,8% del capitale, vorrebbe mantenere la maggioranza e continuare a guidare l'azienda.

Nonostante Liu Jo ribadisca che non c'è niente sul tavolo, le indiscrezioni parlano di un processo di dual track avviato con l'intenzione di sondare il mercato per un'Ipo e valutare potenziali acquirenti.

Non solo: sempre stando a Reuters, ci sarebbero già stati diversi incontri con operatori di private equity, ma il partner giusto non sarebbe stato ancora individuato.

Liu Jo, stando a una fonte, potrebbe essere valutata fino a 500 milioni di euro, ovvero dieci volte l'Ebitda.

Tags:
liu jomarchimodaiporeuters
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.