A- A+
Economia
Lusso 2015: Louis Vuitton, Ysl e Ferragamo al top

Il 2014 è stato un anno complicato per l’industria del lusso, ma il 2015 promette bene visto che i fattori negativi si sono attenuati. Ne sono convinti gli esperi di Swiss & Global. "Nel 2014 la media delle vendite è salita all’incirca del 5% (non considerando gli effetti valutari) nonostante molti fattori negativi quali l’assenza di crescita economica in Europa, la scomparsa dei turisti russi dopo il forte deprezzamento del rublo e le nuove misure di austerità cinesi contro la corruzione che hanno colpito lo scambio di regali tra le aziende. Le vendite del comparto del lusso in Asia sono diminuite a causa del minor numero di turisti a Hong Kong e Macao, specialmente nell’ultimo trimestre dell’anno. Gli Stati Uniti hanno rappresentato il punto di forza, e le vendite in Europa hanno iniziato a recuperare grazie al ritorno dei turisti e ai segnali di ripresa economica nell’Europa meridionale" spiegano in un report Scilla Huang Sun e Andrea Gerst, gestori del JB Luxury Brands Fund.

"Pensiamo - spiegano - che la crescita abbia toccato il suo minimo nel 2014 ed è probabile che risalga nel corso del 2015. Le vendite in Europa sembrano aver toccato il punto più basso, il numero di nuovi consumatori di beni di lusso nei mercati emergenti continua a crescere e molti dei fattori negativi degli ultimi due anni si stanno attenuando. Mentre gli effetti dei cambi valutari hanno impattato negativamente sulle vendite e sui margini di guadagno nel 2014, dovrebbe esserci un’inversione di marcia nel 2015. Ultimo, ma non per importanza, il fatto che il calo degli utili dovrebbe ormai essere alle nostre spalle".

I turisti cinesi hanno speso il 20% in più nel 2014
L’attenzione degli investitori sulla Cina si è rivolta principalmente al rallentamento della crescita economica e alle misure di austerità. Ciononostante, la classe media cinese continua a crescere e viaggiare all’estero è sempre più di moda. Nel 2014 i turisti cinesi hanno aumentato le loro spese di oltre il 20%. È finito il periodo dei regali agli ufficiali governativi, ma non quello del consumo privato e dell’amore dei consumatori cinesi per il lusso. Alla luce dell’impennata dell’e-commerce e della preferenza che i cinesi hanno per gli acquisti di prodotti esteri, è plausibile che alcune società rafforzino la propria rete di attività commerciali in Cina.

I flussi dei turisti sono altalenanti e sensibili ai movimenti delle valute
I turisti rappresentano il 30-40% nel mercato globale del lusso, e sono perciò un elemento chiave. Quali sono le mete preferite? Tokyo, Seoul e Taipei ora come ora sono le città di tendenza fra i viaggiatori cinesi. In aggiunta a questo, i turisti seguono in una certa misura i movimenti delle valute. Per questo le società che hanno punti vendita in tutto il mondo sono quelle meglio posizionate. Nonostante sofisticate politiche di prezzo, le differenze di prezzo esistono comunque, non da ultimo come effetto di dazi e imposte. Il deprezzamento dell’Euro, per esempio, si è tradotto in una crescita dello shopping fatto dai turisti a Parigi e Milano. Tuttavia, aziende come Ralph Lauren e Tiffany hanno registrato di recente un calo dei turisti negli Stati Uniti.

Il potere di fare il prezzo protegge i margini
I brand più forti del settore del lusso hanno il potere di dettare il prezzo e si trovano per questo motivo nella fortunata posizione di poter alzare i prezzi. Dopo l’apprezzamento del franco svizzero in gennaio, Richemont e Swatch hanno annunciato un aumento dei prezzi del 5-10% per i loro orologi venduti all’estero. La loro capacità di alzare i prezzi compenserà in parte il colpo che il rafforzamento del franco svizzero ha inflitto ai loro margini.

Forte generazione di flusso di cassa – crescita dei dividendi per gli azionisti
La maggior parte delle aziende del lusso sta gestendo cospicui surplus di flusso di cassa dopo gli investimenti. Accanto alle operazioni di buy-back molte di queste aziende hanno visto crescere i dividendi per il 2014 con un rapporto pay-out (rapporto tra utili conseguiti e utili distribuiti) ancora al di sotto del 50%. Nel 2014, per esempio, Kering e L’Oréal hanno aumentato i dividendi dell’8% e Luxottica dell’11%, oltre a un dividendo speciale. Società come LVMH, Hermès, Lindt, Estée Lauder e Tiffany non tagliano i propri dividendi da oltre 10 anni.
                                                                       
Concentrated portfolio focalizzato sulle aziende globali
"Alla luce dell’attuale volatilità dei tassi di cambio, del numero delle situazioni critiche a livello geopolitico e degli interventi delle banche centrali, non abbiamo fatto nessuna valutazione macroeconomico considerevole - concludono i due esperti -. Al contrario, il fondo JB Luxury Brands Fund ha un’ampia diversificazione in termini regionali e sub-settoriali. Ci concentriamo su aziende ben gestite e con una portata globale perché offrono un miglior profilo rischio/rendimento rispetto a quelle che invece sono concentrate su un’unica regione. Ci piace ancora il settore dei gioielli data l’ormai consolidata crescita della gioielleria brandizzata e il fatto che marchi a buon mercato sfruttino l’ingresso di nuovi consumatori nel mercato del lusso. Nello spazio più competitivo delle borse vediamo come chiari vincitori Louis Vuitton, Yves Saint Laurent e Ferragamo".

Tags:
lussolouis vuittonyslferragamomodaswiss & global
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’

Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.