A- A+
Economia

L'intesa che consente a Fiat di completare l'acquisizione di Chrysler segna "un momento storico" e "l'inizio di un nuovo capitolo del nostro futuro". Cosi' in una email inviata ai dipendenti, l'ad di Fiat e Chrysler, Sergio Marchionne, e il presidente del Lingotto, John Elkann, hanno descritto il tanto atteso accordo sul restante 41,5% di Chrysler con Veba, il fondo pensioni controllato dal sindacato americano dell'auto, Uaw. "L'emozione con cui oggi vi scriviamo - si legge nella email - e' quella del vedere il frutto di quattro anni e mezzo di lavoro per arrivare alla piena integrazione industriale e culturale. Siamo certi che questa emozione sia condivisa dagli oltre 300.000 di voi che nel mondo sono parte di questo storico giorno per Fiat e Chrysler". Il braccio di ferro sul valore della quota in mano al sindacato metalmeccanico Usa era iniziato nel settembre del 2012.

"Dopo un lungo negoziato con Veba, abbiamo raggiunto un accordo che, tramite l'acquisizione del 100% di Chrysler da parte di Fiat, consente di completare l'unione dei due gruppi sia in termini finanziari e sia in termini tecnici anche se di fatto questa straordinaria unione gia' esisteva", si rimarca nella email di Marchionne e Elkann. "Negli ultimi anni - prosegue la lettera - i due gruppi hanno imparato a conoscersi e a capirsi. Si sono entrambi rafforzati grazie alla condivisione di know-how ed esperienza. Si sono impegnati in un futuro comune. Fin dal primo giorno Fiat e Chrysler, ciascuna con la propria identita' e tradizione, hanno condiviso know-how e risorse, progetti strategici ed obiettivi, sfide ed ambizioni. Ma soprattutto hanno condiviso lo spirito e i valori di un' organizzazione volta a distinguersi non solo per l'eccellenza dei propri prodotti ma anche in termini di impegno, integrita' e trasparenza. Il risultato e' stata la creazione di una casa auto globale e tra i leader del settore".

La condivisione di culture diverse "e' il nostro piu' importante asset e la miglior garanzia possibile per il successo", hanno rimarcato Marchionne ed Elkann esortando i lavoratori a "rimanere uniti" e a proseguire "con quello spirito di rispetto reciproco e cooperazione che ha condotto a questo giorno". Dal canto suo, il management si impegna "a proseguire nello sviluppo di Fiat-Chrysler in ogni parte del mondo, in modo spedito ed efficiente". Viene inoltre confermato l'impegno a lavorare per garantire a tutti i dipendenti "un futuro sicuro e stimolante in un'organizzazione dove la condivisione di esperienze e di culture consente grandi opportunita' di crescita professionale e personale. Nel porgere a voi e alle vostre famiglie i nostri migliori auguri per il 2014 - conclude la missiva - auspichiamo che l'anno continui con le stesse promesse e potenzialita' con cui e' cominciato e che soddisfi le vostre aspettative".

Tags:
fiatchryslermarchionne
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.