A- A+
Economia

Commento di Paolo Mameli senior economist Direzione Centrale Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, al Pil del terzo trimestre.
 

"Il PIL è calato ancora nel 3° trimestre 2014, di -0,1% t/t, dopo il -0,2% t/t dei tre mesi precedenti. Il dato è in linea con la media delle previsioni di consenso. In flessione la variazione annua (corretta per i giorni lavorativi), a -0,4% da -0,3% precedente.

Sono ben 13 trimestri che l’economia italiana non cresce, e il livello del PIL tocca un nuovo minimo da 14 anni e mezzo. Da notare anche che l’Italia è l’unica tra le principali economie dell’eurozona ancora in recessione (nel trimestre, il PIL è cresciuto di 0,1% t/t in Germania, di 0,3% t/t in Francia e di 0,5% t/t in Spagna). La distanza rispetto al picco pre-crisi (toccato a inizio 2008) si amplia ancora, a -9,4%, ed è assai maggiore che in Spagna (-6%) - mentre in Germania e Francia il PIL ha già superato il precedente massimo storico.

Non è ancora noto il dettaglio delle componenti (sarà comunicato con la seconda release il 1° dicembre), ma la flessione congiunturale è il risultato di un andamento negativo del valore aggiunto nell’industria (in senso lato, ovvero comprensiva di energia e costruzioni) e nell’agricoltura, e positivo nei servizi (peraltro, sorprendente visto l’andamento degli indici di fiducia nel settore). Ci aspettiamo un contributo negativo della domanda domestica finale e in particolare dagli investimenti, mentre potrebbe essere proseguita la modesta crescita dei consumi (+0,1% t/t in media nell’ultimo anno). Un contributo positivo viceversa dovrebbe essere venuto dalle esportazioni nette e verosimilmente dalle scorte (che avevano sottratto alla crescita ben tre decimi su base trimestrale in primavera).

La variazione “acquisita” del PIL per il 2014 (ovvero, supponendo una crescita-zero nell’ultimo trimestre) è pari a -0,3%. Tuttavia, sospettiamo che la recessione possa estendersi all’ultima parte dell’anno (per la quale vediamo un calo di uno/due decimi del PIL, in linea con la media dell’ultimo anno e mezzo). Ciò fa sì che la crescita 2014 possa attestarsi nel range -0,3/-0,4%.

Il punto è che gli indicatori anticipatori ancora non sono coerenti con un’uscita dalla recessione, dunque sussistono dei rischi sulla previsione di consenso di un ritorno alla crescita già a inizio 2015. Ciò non fa che confermare che il recupero congiunturale atteso per il prossimo anno sarà di entità modesta: ci aspettiamo un rimbalzo speculare alla caduta registrata nel 2014, ovvero di +0,3/0,4%. Per una “vera” ripresa occorrerà verosimilmente attendere il 2016".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
paolo mameliintesa sanpaolopil
i più visti
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”


casa, immobiliare
motori
Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.