A- A+
Economia
"Renzi ha rottamato l'evasione fiscale". Manageritalia all'attacco

Manageritalia all'attacco del governo Renzi.  L'associazione, in una nota, denuncia l’assenza della lotta all’evasione fiscale, sia dalle intenzioni, che dalle azioni, dell'attuale esecutivo parlando di "una vera e propria elusione e evasione dal problema".

"Nella fervente, rapida e incessante azione del Governo Renzi per cambiare il Paese – dice Guido Carella, presidente Manageritalia – manca del tutto il capitolo evasione fiscale. Un’assenza ingiustificata e ingiustificabile, visti i sacrifici che ormai da anni e ancora oggi si chiedono ai cittadini onesti, soprattutto dipendenti e pensionati a reddito medio-alto. E ci preoccupa soprattutto che l’evasione fiscale sia assente sia dalle azioni, che dalle intenzioni".

Pochi dati, raccolti e elaborati da Manageritalia, - spiega la nota dell'associazione - peraltro noti a tutti, seppure poco reclamizzati, mettono a fuoco il fenomeno. Banca d’Italia, ma potremmo dire tutti i più autorevoli centri studi e istituzioni nazionali e internazionali, stima il gettito perso ogni anno per l’evasione fiscale in circa 200miliardi di euro, 36 dei quali dovuti alla sola Iva evasa o elusa. E questo non basta, perché anche quando, di rado, l’evasione viene accertata e sanzionata, il recupero fa acqua da tutte le parti. Infatti, dal 2000 al 2012 gli uffici delle Entrate hanno accertato e sanzionato 807,7 miliardi di euro di evasione, ma la somma poi effettivamente riscossa è di soli 69,1 miliardi. Ultimo, ma non per ultimo, una fotografia di chi evade. Secondo un recente studio di Banca D’Italia presentato il 5 marzo 2014 alla Commissione Finanza e Tesoro del Senato, la propensione ad evadere è in media nell’intera popolazione paria al 13,5%, più negli uomini (17,3%) che nelle donne (9,9%), nei più giovani (fino a 43 anni 19,9%) che negli anziani (2,7%), più al Centro (17,4%), che al Nord (14,8%) o al Sud (7,9%), più nei rentier (83,7%) e nei lavoratori autonomi e imprenditori (56,3%) che nei lavoratori dipendenti (-1,6%) e pensionati (-0,8%). E, si badi bene, calcoli di Manageritalia sui dati relativi alle dichiarazioni dei redditi 2012 dicono che il gettito Irpef nel 2012 si avvicina a 152,3 miliardi di euro, meno dell’evasione, e che lavoratori dipendenti e pensionati pesano per l’86,7% dei contribuenti e il 92,6% dei redditi dichiarati. Ma soprattutto che lavoratori dipendenti e pensionati che dichiarano almeno 40mila euro lordi annui sono il 7% dei contribuenti (2,85 milioni di cittadini, di cui 1,91 milioni i soli dipendenti) e concorrono per il 42% al gettito totale Irpef.

"Insomma – chiude Carella – lo Stato nei confronti dei suoi cittadini è uno, nessuno e centomila. È uno solo con i dipendenti e pensionati, che devono pagare tutto fino all’ultimo euro, e a volte, recentemente troppo spesso, si vedono chiedere ulteriori esborsi da uno Stato forte del fatto che ha un controllo pieno sui loro redditi (dipendenti) o che li ha in affido e autoritariamente ne trattiene una parte (pensionati). È nessuno e centomila con tutti gli altri. Vorremmo quindi che l’evasione fosse finalmente messa al centro della rottamazione di quell’Italia che non va e della ricostruzione di quella in cui vogliamo vivere tutti. Certo, la sua totale assenza nelle azioni e intenzioni del Governo ci preoccupa. Così come ci preoccupa che il Senato abbia recentemente votato ad ampissima maggioranza il dimezzamento delle imposte dovute nel caso di rientro di capitali e depenalizzato i reati di frode con altri artifici e di omessa o infedele dichiarazione. Insomma, se il buongiorno si vede dal mattino, da noi oggi su questo tema è notte fonda".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
manageritaliatasseevasione fiscale
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.