A- A+
Economia
Manifesto per l’energia del futuro: adesione da Assoutenti e Confconsumatori

A un anno dal completamento del percorso di liberalizzazione del mercato dell’energia, altre due associazioni di consumatori, Assoutenti e Confconsumatori, aderiscono al “Manifesto per l’energia del futuro”. Il Manifesto, promosso da Edison, ENGIE, E.ON, Illumia e Sorgenia, contava già su Adiconsum, Altroconsumo, Cittadinanzattiva, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Udicon e Associazione Utenti dei servizi Radiotelevisivi.

Il “Manifesto per l’energia del futuro” ha l’obiettivo di sostenere un nuovo assetto del mercato libero dell’energia, basato su regole chiare e trasparenti che assicurino una pluralità di operatori e di offerte sul mercato libero e rendano il consumatore protagonista sempre più consapevole.

Il Manifesto prosegue la sua attività incentrato su quattro principi fondamentali: il risparmio, la sostenibilità, l’innovazione e la protezione per i consumatori più deboli. Lo fa attraverso progetti concreti realizzati in questi due anni come la Roadmap territoriale, che ha previsto un ciclo di 10 incontri sul territorio (Bologna, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Fermo, Catania, Bari, Reggio Calabria e Roma) al fine di illustrare le opportunità della liberalizzazione del mercato dell’energia e avviare tavoli di lavoro congiunti con chi, proprio sul territorio, si occupa di fornire informazioni chiare e puntuali ai consumatori sul mercato dell’energia.

Manifesto per l’energia del futuro: un modello più evoluto di fornitura energetica a famiglie e imprese

Il completamento del processo di liberalizzazione porterà a un modello più evoluto di fornitura energetica a famiglie e imprese, nel quale il consumatore avrà un ruolo centrale e nel quale le nuove tecnologie digitali e l’innovazione permetteranno di offrire servizi più moderni, efficienti e sostenibili. Tutto ciò in un contesto di promozione della concorrenza che consentirà agli operatori di investire in soluzioni sempre più rispondenti alle reali esigenze dei consumatori, garantendo la presenza di tutti gli strumenti di accompagnamento utili per assicurare informazioni chiare e processi efficaci, oltre a un sistema di garanzie rafforzate per tutelare i consumatori più deboli.

Per arrivare a questo traguardo è fondamentale che MISE e Arera definiscano quanto prima il necessario impianto normativo e regolatorio, a partire da un Albo Venditori che garantisca un’alta qualità e affidabilità dei fornitori e delle modalità di vendita utilizzate, dalla riforma degli oneri di sistema e del bonus energia e gas, fino alle modalità di completa apertura del mercato libero.

Commenti
    Tags:
    manifesto per l’energia del futuroenergia e gasliberalizzazione mercato energialibero mercato energiaedisonengiee.onillumiasorgeniaassoutenti confconsumatori manifesto energia futurosostenibilitàinnovazionelibera concorrenza mercato energiafornitura energia famiglie impresetecnologie digitali settore energia
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Al Museo Alfa Romeo vanno i scena i "Cavalli Marini"

    Al Museo Alfa Romeo vanno i scena i "Cavalli Marini"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.