A- A+
Economia
Mediobanca, l'interpellanza di FI al Governo sulla salita di Del Vecchio

Al Ministro dell'economia e delle finanze - Per sapere - premesso che: 

si è svolta lunedì 28 ottobre 2019 l’assemblea dei soci di Mediobanca S.p.A. da cui è emersa la composizione della compagine azionaria che vedeva all’epoca, quali soci rilevanti Unicredit (8,81 per cento), Leonardo Del Vecchio attraverso la holding Delfin (7,52 per cento), Vincent Bolloré – imprenditore bretone, al 6,73 per cento –, Blackrock e Mediolanum rispettivamente al 4,98 e al 3,28 per cento;

in pochi mesi, la compagine azionaria di Mediobanca ha subito un terremoto, con Del Vecchio salito al 9,89 per cento, Vincent Bolloré sceso al 5,7 per cento, Medionalum ferma al 3,28 per cento e Unicredit che ha messo sul mercato il suo intero pacchetto di azioni il 6 novembre 2019; 

l'intenzione di Del Vecchio, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stata quella di salire oltre il 10 per cento ma nel maggio 2020, l’imprenditore ha invece chiesto l’autorizzazione alla BCE, probabilmente dopo aver acquisito il parere favorevole di Bankitalia, a rilevare fino al 20 per cento delle azioni. Sarebbe il primo socio, nella storia recente dell’istituto, a controllare un’azione su cinque;

la quota acquisita servirebbe a incidere nelle scelte strategiche della banca, probabilmente attraverso una politica più aggressiva su fusioni, acquisizioni e dismissioni di asset ma senza aver comunicato il proprio piano industriale o le proprie intenzioni;

l’AD di Mediobanca Nagel  ha rimarcato come «dal 2005 a oggi, il Gruppo è cresciuto così tanto nelle altre componenti che la quota delle assicurazioni è andata diluendosi: la nostra dipendenza dalla compagnia triestina è venuta molto meno rispetto al passato, con i ricavi scesi in oltre un decennio dal 25 per cento a circa la metà, il 12 per cento»;

le Generali, sempre secondo Nagel: «sono gestite in maniera efficace e corretta, i risultati si vedono sia dal punto di vista dell'utile sia del titolo». Obbiettivo dell’AD sarebbe far rimanere l’assicurazione indipendente e con base in Italia;

Del Vecchio invece riterrebbe Mediobanca troppo dipendente dai risultati di Generali, di cui è già importante socio tramite la lussemburghese Delfin, e sarebbe intenzionato a proporre una dismissione degli asset assicurativi per concentrare l’attività dell’azienda sull’investimento bancario;

Del Vecchio avrebbe in mente per Generali una partnership col Gruppo francese AXA. Proprio tramite una banca francese, Natixis, l’imprenditore ha messo insieme sul mercato la sua attuale quota in Mediobanca, e proprio ad una società francese, Essilor, ha legato la sua Luxottica con la fusione avvenuta nel corso del 2018;

Generali è la prima compagnia assicurativa italiana, la terza in Europa, con 500 miliardi di euro di attività investite di cui circa 60 in titoli del tesoro italiani;

per l’intero sistema assicurativo e finanziario italiano l’indipendenza e la presenza in Italia di un soggetto di primo piano a livello internazionale come Generali è fondamentale;

Mediobanca S.p.A. – terzo gruppo bancario italiano per capitalizzazione –  risulta già oggi controllata per il 14 per cento del capitale da investitori istituzionali di origine francese, ma il suo assetto azionario e l’assenza di un patto di sindacato, soprattutto dopo l’uscita di Unicredit, lascia alla finanza straniera la porta spalancata;

Mediobanca, inoltre, oggi è una preda ambita, perché dà accesso al controllo di Generali, e perché, rispetto alla quotazione massima del 10 novembre 2019, anche a causa dell’emergenza COVID-19, vale oggi poco più della metà;

l’attivismo di un imprenditore come Del Vecchio, messo in campo tramite una holding con residenza fiscale all’estero, parimenti all’interesse che la stampa italiana ha dato alla vicenda, destano sospetti in merito a quali siano i veri interessi in campo;

la grande finanza francese ha già detto di essere interessata al patrimonio economico italiano e l’Italia non ha risposto adeguatamente in difesa degli interessi nazionali, oggi minacciati anche dal possibile interesse di Credit Agricole per il gruppo UBI, che sta cercando alleati  per respingere l’ops di Intesa Sanpaolo-:

se il Governo è stato preventivamente messo al corrente delle notizie riportate in premessa;

se il Governo è al corrente che gli acquisti di titoli Mediobanca sono stati effettuati da società lussemburghesi. Questo vuol dire che Mediobanca sta per diventare una società controllata da un Gruppo estero

se il Governo è al corrente di come la CONSOB sta monitorando l’evoluzione del quadro azionario di Mediobanca S.p.A. e di Assicurazioni Generali S.p.A. e se sono state rilevate procedure anomale;

come il Governo è intenzionato a tutelare l’interesse nazionale evitando che il controllo di Assicurazioni Generali S.p.A. possa finire in mani straniere;

se al Governo risulta che le Authorities competenti abbiano valutato motivazioni e “vocazione” effettiva dell’operazione messa in campo da Del Vecchio, quale ne sia stato l’esito, e se sussistano quei parametri di sviluppo e strategici richiamati da Banca d’Italia e di cui ai regolamenti stessi della BCE che sottendono programmi di sviluppo ai fini del rilascio di ogni autorizzazione all’operazione, anche in relazione alla “mission” effettiva del socio lussemburghese e dei piani generazionali e successori regolati dalla legge italiana. 

Mauro D'Attis

Loading...
Commenti
    Tags:
    mediobancaleonardo del vecchioassicurazioni generali
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Serie A: tifosi o stadi vuoti? Arriva il passaporto sanitario

    Sport

    Serie A: tifosi o stadi vuoti?
    Arriva il passaporto sanitario


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La tecnologia di livello 2 ora disponibile su tutta la gamma Peugeot

    La tecnologia di livello 2 ora disponibile su tutta la gamma Peugeot

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.