A- A+
Economia
Mediobanca: l'utile del semestre cala a 261 mln, crescono i ricavi

Mediobanca ha archiviato il primo semestre dell'esercizio 2014-2015, chiuso il 31 dicembre, con un utile netto consolidato pari a 260,6 milioni di euro; il dato - si legge in una nota - risulta in calo rispetto ai 304,7 milioni del corrispondente periodo dell'esercizio precedente, che aveva beneficiato di maggiori utili da dismissioni, ma e' superiore al consensus degli analisti, che prevedeva un utile di 250 milioni di euro. I ricavi del semestre sono aumentati del 15,9% a 1,01 miliardi di euro. Tra gli indici patrimoniali, a fine dicembre il common equity tier 1 era pari all'11% phased-in e al 12,7% fully phased. 

La crescita dei ricavi - spiega Mediobanca - e' attribuibile al positivo andamento dell'attivita' bancaria, il cui utile lordo e' triplicato da 72 milioni a 198 milioni di euro. Nel semestre si e' registrata una crescita degli impieghi a 31,8 miliardi (+4,2%) sia verso la clientela corporate (+5,6%) sia nel retail (+4,7%); migliorati il margine di interesse (+2,4% a 547,9 milioni) e le commissioni (+35,5% a 260,3 milioni). Le rettifiche di valore sui crediti sono calate da 302 milioni a 300,7 milioni; stabile al 51% il tasso di copertura delle attivita' deteriorate a livello consolidato. La gestione del portafoglio titoli ha comportato nel semestre plusvalenze per 15,9 milioni e svalutazioni per 11,3 milioni "per l'allineamento ai fair value di fine dicembre". Nel credito al consumo, Compass ha visto crescere i ricavi a 412,3 milioni (+8,8%) e il margine di interesse (+9,1% a 333,9 milioni); l'utile e' calato da 50 milioni a 31 milioni di euro per effetto di rettifiche sui crediti per 232,8 milioni. Nel retail, Chebanca! ha ridotto la perdita netta da 10,3 milioni a 8,1 milioni di euro.  

Nagel, molto soddisfatti, semestre ci incoraggia - "Siamo particolarmente soddisfatti di un andamento che, da tutti i punti di vista, ci incoraggia". Cosi' l'amministratore delegato di Mediobanca, Alberto Nagel, commenta in una conference call i risultati del primo semestre dell'esercizio 2014-2015 dell'istituto. "Quest'anno - ha sottolineato - abbiamo un'attivita' bancaria che va a sostituire quasi al 100% i ricavi da vendita di partecipazioni conseguiti l'anno scorso e l'andamento positivo e' comune a tutte le divisioni di attivita' bancaria".

Nagel: Telecom? Venderemo quota entro giugno - Mediobanca conferma l'intenzione di uscire da Telecom, di cui possiede una quota in trasparenza pari all'1,6% del capitale tramite la scatola Telco, entro la fine dell'esercizio 2014-2015. "Ci aspettiamo di essere in condizione di vendere la partecipazione in Telecom da qua a giugno", ha detto l'amministratore delegato dell'istituto, Alberto Nagel, in conference call. Il via libera delle autorita' sudamericane alla scissione di Telco, secondo Nagel, arrivera' tra marzo e aprile: "Riteniamo che il processo autorizzativo in corso possa chiudersi a cavallo tra il terzo e il quarto trimestre in corso", ha sottolineato. 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mediobancautilericavisemestrenagel
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.