A- A+
Economia
Morti due bambini, Nestlé Francia incriminata per pizze Buitoni contaminate
Sede Nestle

Nestlé Francia incriminata per pizze Buitoni contaminate dal batterio E. Coli, morti due bambini

Nestlé Francia ha annunciato questo venerdì 5 luglio la sua incriminazione nell'inchiesta sulle pizze Buitoni contaminate dal batterio E. coli, sospettate di aver causato la morte di due bambini. Si sospetta, scrive il quotidiano francese Le Figaro, anche che le pizze abbiano reso fatto ammalare decine di bambini, con il timore di possibili danni ai reni.

Secondo una portavoce dell'azienda, le accuse di incriminazione sono "omicidio colposo, lesioni colpose e frode". La procura di Parigi, contattata dall'AFP, non era raggiungibile in mattinata.

LEGGI ANCHE: Eredità, la Cassazione dà ragione a Margherita Agnelli: sequestri confermati

"Si tratta di una tappa cruciale per comprendere l'origine di questa tragedia. Le numerose famiglie che rappresento aspettavano questo momento con impazienza", ha reagito presso l'AFP l'avvocato Pierre Debuisson. "Possiamo solo sperare che l'incriminazione di Nestlé incoraggerà fortemente i grandi gruppi agroalimentari a rafforzare notevolmente i controlli interni per garantire la sicurezza alimentare dei consumatori", ha aggiunto.

"La giustizia penale avanza finalmente in questo caso dalle conseguenze drammatiche, speriamo che ciò contribuirà a chiarire tutte le responsabilità, qualunque esse siano", ha reagito da parte sua François Lafforgue, avvocato dell'associazione di difesa dei consumatori Foodwatch Francia.

Parallelamente alla procedura giudiziaria, "è stato raggiunto un accordo di indennizzo con una sessantina di famiglie e le discussioni sono ancora in corso con altre", ha dichiarato all'AFP una portavoce di Nestlé Francia. "Questo approccio amichevole ha lo scopo di fornire un supporto immediato alle famiglie", ha aggiunto.

Santé publique France (SPF) e la Direzione della repressione delle frodi (DGCCRF) erano state allertate nel febbraio 2022 da un aumento dei casi di insufficienza renale tra i bambini, legato a una contaminazione da E. coli. La maggior parte dei bambini presentava una sindrome emolitico-uremica (SHU), che si manifesta generalmente con un'insufficienza renale acuta e gravi problemi sanguigni, con possibili conseguenze come il coma o la morte.

Un collegamento è stato rapidamente stabilito dalle autorità sanitarie con il consumo di pizze da parte dei bambini. Nestlé aveva ritirato i suoi prodotti Fraîch'Up e chiuso le due linee di produzione del suo stabilimento nordista. La filiale francese del leader mondiale dell'agroalimentare Nestlé aveva indicato "una contaminazione della farina" come spiegazione "più probabile" della presenza del batterio sulle sue pizze.

Secondo la prefettura, le ispezioni sanitarie hanno evidenziato "la presenza di roditori" e la "mancanza di manutenzione e pulizia delle aree di produzione". Lo scandalo ha duramente danneggiato l'immagine del marchio e delle pizze surgelate. Un anno dopo il caso, Nestlé ha annunciato la chiusura definitiva dello stabilimento di Caudry, che era parzialmente ripartito alcuni mesi prima, citando il calo delle vendite. L'azienda ha venduto il sito nel febbraio 2024 alla società italiana Italpizza, che ha spiegato di voler riavviare la produzione nell'autunno 2024.






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.