A- A+
Economia
jp morgan

Le bustarelle potrebbero costare caro a Jp Morgan. L'ultima inchiesta della Sec è scattata nei giorni scorsi sulle sue attività in Cina e a Hong Kong: le autorità statunitensi sospettano che la banca abbia assunto i figli di influenti funzionari cinesi per aggiudicarsi contratti nel Paese. A rivelarlo è stato il New York Times, citando documenti dell'amministrazione.

Tra gli esempi citati il caso del figlio del presidente di China Everbright Group, assunto dal colosso bancario. Jp Morgan ha poi firmato una serie di contratti con il conglomerato finanziario. La filiale di Hong Kong della banca, inoltre, ha assunto la figlia di un dirigente delle ferrovie cinesi, in seguito arrestato per uno scandalo di tangenti. Jp Morgan e' diventata consulente dalla China Railway Group (Crg), l'azienda di costruzioni ferroviarie controllata dal governo, per il suo ingresso in Borsa. La banca ha fatto sapere di cooperare pienamente con le authority.

Affari non proprio limpidi che, secondo il Wsj potrebbero costare all'istituto 6,8 miliardi di dollari.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
jp morgancinasec
i più visti
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.