A- A+
Economia

"Condannate l'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari a sette anni di reclusione". Questa la richiesta dei pm di Siena al processo sulla ristrutturazione del derivato Alexandria, primo dei filoni giunto davanti ai giudici nell'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena. Sei anni ciascuno, invece, la richiesta per Antonio Vigni, ex direttore generale e l'ex capo dell'area finanza Gianluca Baldassarri. Mussari questa mattina non era in aula. Presenti, invece, gli altri due imputati Vigni e Baldassarri.

Il pm Giuseppe Grosso, che ha concluso la requisitoria della Procura (prima di lui erano intervenuti Antonino Nastasi e Aldo Natalini), ha chiesto ai giudici di "negare ogni circostanza attenuante" e di condannare tre imputati anche alle "pene accessorie". Per il reato di occultamento all'autorità di vigilanza il codice prevede una pena compresa tra un minimo di due anni e un massimo di otto.

Bankitalia, invece, chiede i danni. "Chiediamo la condanna dei tre imputati secondo giustizia, il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali e il pagamento da parte degli stessi delle spese legali, ha detto l'avvocato della Banca d'Italia Olina Capolino, che si era costituita parte civile.

Nella requisitoria Il primo a parlare è stato Antonino Nastasi, che in oltre quattro
ore e mezzo ha confutato le tesi delle difese dei tre imputati. Dopo Nastasi è intervenuto il suo collega Aldo Natalini e da pochi minuti ha preso la parola il terzo pubblico ministro, Giuseppe Grosso, che al termine della sua parte di requisitoria ha formulato le richieste di condanna.

Tags:
mussari

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.