A- A+
Economia
barclays mutui

Che si parli di crisi o no, il tema mutui è sempre al centro delle attenzioni degli intermediari bancari. Decisamente resta il prodotto finanziario più nobile tra quelli offerti e non c’è banca, mediatore o Ufficio Postale che non esponga in vetrina una promozione con la classica foto di una coppietta felice con lo sfondo di una villetta con giardino.

Ma quali sono le prospettive dei prossimi mesi di queste circa 250mila famiglie che si accingono a richiedere e ottenere un mutuo? Dove conviene rivolgersi?

A parte i comparatori online, che però mostrano solo i mutui per i quali le banche sono disposte a pagare una provvigione, o la banca con il suo “direttore” che sembra poter fare tutto, ma molto spesso è vincolato ad un computer con i suoi sistemi di calcolo di rischio matematico, inizia finalmente ad introdursi nella gamma di offerte il BancoPosta con i suoi 3.500 sportelli di quartiere. E lo fa con spread decisamente vantaggiosi del 2,95% fino a 25 anni. Semplicemente recandosi in un ufficio postale abilitato BancoPosta si può richiedere all’addetto mutui un preventivo e ottenere in meno di 15 giorni una delibera senza nessuna spesa aggiuntiva.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

“In riferimento all’articolo pubblicato da affaritaliani.it dal titolo “Mutui, Barclays abbandona l'Italia. I consigli per fare la scelta giusta”, precisiamo che non è intenzione di Barclays uscire dal mercato dei mutui in Italia; il nostro prodotto e' stato scelto da oltre 270 mila clienti che continuiamo a servire. La nostra offerta prodotti, incluso il mutuo residenziale, evolve sulla base alla domanda della clientela e nel rispetto dei parametri della Banca”.

Ufficio Stampa Barclays

Basta pensare che gli uffici postali sono aperti anche il sabato e prenotando un appuntamento online sul sito BancoPosta.it o direttamente sui principali comparatori di mutui on line, non c’è bisogno neanche di fare la fila. Quindi sembra che il panorama sia abbastanza completo, sia in termini di tassi, sia in termini di vicinanza alla clientela e tutti gli ingredienti per un mercato destinato a crescere ci sono.

Ma allora perché solo 250mila famiglie su 20 milioni ottengono un mutuo? Perché la domanda di credito resta la più bassa d’Europa, inferiore addirittura a paesi come Lituania se la rapportiamo al PIL?

Secondo alcuni analisti di mercato, continua a persistere una sfiducia delle famiglie verso il futuro, dovuta ad un pressing negativo indotto dai mass-media, secondo altri, il sistema creditizio nazionale è poco propenso al rischio di credito ed l’eventualità di un’uscita dall’euro si fa molto probabile. Basti pensare che secondo alcune indiscrezioni tra i broker mutui, Barclays Bank sta lentamente uscendo dal mercato dei mutui italiani, perché teme una svalutazione fino al 30% del suo portafoglio mutui per effetto di un ritorno alla lira. Difatti, nel 2013 la banca britannica conterà di erogare solo 400milioni di euro in mutui contro i 4 miliardi del 2011, e per il 2014 prevede di ridurre ulteriormente la suo quota.

Con quel che resta di questa concorrenza “apparentemente” aggressiva come quella esistente tra le nostre Banche nazionali, gli Intermediari specializzati e BancoPosta, si dovrebbe sperare in un mercato con tassi di crescita elevati senza mostrare più i segni della recessione del 2012 con il -42%, a prescindere dall’euro si o euro no degli inglesi.

Simona Castaldo – Broker mutui – www-mutuiperlacasa.com

 

Tags:
mutuibarclayscasa
i più visti
in evidenza
Leao perde la causa milionaria Pagherà 20 mln di risarcimento

Chiuso il caso con lo Sporting

Leao perde la causa milionaria
Pagherà 20 mln di risarcimento


casa, immobiliare
motori
Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT

Mercedes-AMG è la musa ispiratrice del progetto di arte digitale NFT

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.