Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Amiloidosi cardiaca da transtiretina, Pfizer: migliorato l'accertamento dei casi

Pfizer: maggiore accuratezza nell'accertamento dei casi di ATTR-CM, ma la patologia rimane rara e sottodiagnosticata

L'ATTR-CM, l'amiloidosi cardiaca da transtiretina, è ancora una malattia rara, ma Pfizer rileva una maggior precisione nell’accertamento dei casi, grazie a metodiche diagnostiche avanzate, più accessibili e meno invasive.

Chi è affetto da ATTR-CM riscontra un’alterazione della proteina transtiretina che, mal ripiegandosi, forma fibrille che si depositano in vari organi e tessuti, compromettendone la funzionalità. I dati epidemiologici sono in continuo aggiornamento: per la forma wild-type, per esempio, si stima che la prevalenza sia di circa 3 casi su 10.0003.

Una delle forme più comuni di amiloidosi cardiaca è l’amiloidosi da catene leggere (AL), in cui un clone plasmacellulare produce catene leggere monoclonali che esercitano una tossicità d'organo e si depositano nei tessuti sotto forma di fibrille amiloidi. L’altra forma principale è l’amiloidosi cardiaca da transtiretina (ATTR-CM), nella quale è coinvolta la transtiretina, una proteina sintetizzata principalmente dal fegato e deputata fisiologicamente al trasporto della tiroxina e del retinolo. A sua volta, questo tipo di amiloidosi si divide in una forma ereditaria o mutata (hATTR- CM -o vATTR- CM), causata da una mutazione del gene della transtiretina, e in una forma acquisita o wild-type (wtATTR-CM).

Le amiloidosi sono patologie rare, progressive e multiorgano. Nella forma transtiretina correlata wild-type, il paziente è generalmente anziano (tra 60 e 80 anni), con patologie concomitanti, e più fragile, mentre la forma ereditaria, causata da mutazioni del gene TTR, si manifesta più precocemente, spesso a partire dai 50 anni.

Francesca Cozzolino, Direttore Specialty Care di Pfizer Italia, sottolinea: “Il nostro obiettivo è quello di poter fornire soluzioni concrete ai bisogni ancora insoddisfatti delle persone che vivono con una malattia rara, per dare voce e risposte alle loro esigenze. Grazie al continuo impegno nella ricerca e sviluppo di terapie innovative, alla collaborazione con le società medico-scientifiche e le associazioni di pazienti, vogliamo davvero migliorare la qualità di vita dei pazienti accompagnandoli nel loro percorso di cura”.

Data la loro grande eterogeneità clinica, le amiloidosi TTR-correlate sono patologie spesso ancora sottodiagnosticate. La diagnosi precoce e l’inizio tempestivo dell’idonea terapia, tuttavia, consentono di poter modificare sensibilmente il decorso della malattia impattando positivamente sia sulla aspettativa di vita che sul benessere del paziente. Sospetto e referral sono fondamentali per assicurare una diagnosi tempestiva di amiloidosi cardiaca da transtiretina: i dati relativi al ritardo diagnostico, infatti, hanno evidenziato un tempo medio per la diagnosi di oltre 6 anni per la forma willd type e di 5,7 anni per la forma ereditaria.

Riconoscere l’amiloidosi cardiaca, soprattutto in fase precoce, si rivela dunque di fondamentale importanza. Per quanto riguarda la forma di amiloidosi cardiaca AL, la diagnosi viene fatta con esami ematici e delle urine e attraverso successivi accertamenti onco-ematologici. Per la forma ATTR, invece, la diagnosi si basa su valutazioni morfologiche del cuore con esami mirati di imaging cardiaco, con una biopsia cardiaca ed extra cardiaca e con il test genetico. I primi segni a livello cardiaco possono essere identificati già dall’elettrocardiogramma, ma la diagnosi richiede anche il supporto di esami strumentali avanzati che vengono realizzati in centri specializzati con una specifica esperienza nella gestione di questa patologia.

Gli esami principali per la diagnosi, soprattutto per la forma ATTR, sono: l’ecocardiografia con la valutazione morfologica e funzionale cardiaca; la risonanza magnetica cardiaca con e senza mezzo di contrasto; il test genetico, che consente di identificare l'eventuale presenza di mutazioni sottostanti; la biopsia (cardiaca/extracardiaca); e la scintigrafia con tracciante osseo

La percezione dell’amiloidosi cardiaca da transtiretina si è profondamente trasformata negli ultimi anni in seguito ad importanti avanzamenti non solo in campo diagnostico ma anche grazie alle nuove opportunità terapeutiche disponibili, che rendono trattabile una patologia fino a pochi anni fa approcciabile solo dal punto di vista sintomatico o, in rari casi, con il trapianto di cuore combinato fegato-cuore.

Per la corretta presa in carico dei pazienti che soffrono di questa patologia, inoltre, si rende necessario un approccio multidisciplinare, che preveda la collaborazione di diversi specialisti, dal cardiologo, al neurologo, al medico nucleare allo psicoterapeuta e al nutrizionista. Per uniformare la gestione e migliorare il percorso di cura dei pazienti è quindi necessario disporre e organizzare un sistema Hub&Spoke, dove le strutture di secondo livello ed i servizi territoriali possano poter riferire i pazienti, grazie a una rete ben collegata, verso i centri specializzati di riferimento.

Favorire la condivisione delle esperienze cliniche e supportare la classe medica è un aspetto fondamentale dell'impegno continuo di Pfizer nell'ambito delle malattie rare. Nel caso di patologie come l’amiloidosi cardiaca da transtiretina, è cruciale mettere a punto e condividere gli approcci diagnostici e terapeutici più efficaci, garantendo ai pazienti equità nella diagnosi e nel trattamento.





Gli Scatti d’Affari

Fineco: stanziati € 600 mila per la Fondazione Teatro Petruzzelli

Gli Scatti d’Affari

PizzAut: presentato a Milano CityLife il progetto ‘PizzAutoBus’

Gli Scatti d’Affari

SBAM, Cellini e Biova Project lanciano la birra prodotta dagli scarti di caffè

Gli Scatti d’Affari

Assodigit: volge al termine l’evento dedicato all'innovazione e al networking

Gli Scatti d’Affari

Fastweb presenta NeXXt AI Factory: il primo supercomputer NVIDIA DGX SuperPOD

Gli Scatti d’Affari

Premio Navarro-Valls assegnato a Lina Tombolato Doris e Nicolò Govoni

Gli Scatti d’Affari

Stati Generali dell'AI: Regione Lombardia pronta a stanziare 100 milioni

Gli Scatti d’Affari

Comune di Noci: il progetto “Io sono Pietra” per valorizzare il territorio

Gli Scatti d’Affari

Scalapay: aperto il nuovo headquarter a Milano

Gli Scatti d’Affari

Iren Smart Solutions: inaugurata la CER Emilia Ovest con LegaCoop

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.