A- A+
Notizie dalle Aziende
Banca Sistema, Piano Strategico 2021-2023: impieghi a 2,6 miliardi (+20%)

Banca Sistema, il Piano Strategico prevede l’implementazione di nuove iniziative, tra le quali lo sviluppo di tool digitali, che permetteranno al Gruppo di crescere ulteriormente in termini di efficienza operativa, di diversificare la propria offerta ed essere più accessibile

Nella giornata odierna il Consiglio di Amministrazione di Banca Sistema ha approvato il Piano Strategico 2021-2023. Oggi Banca Sistema è il maggiore player in Italia nel business del factoring verso la PA, tra i principali player nella cessione del quinto ed il primo operatore bancario nel credito su pegno.

Dall’avvio del progetto, a giugno 2011, la banca è stata in grado di crescere nel business originario del factoring verso i fornitori della Pubblica Amministrazione italiana ed impegnarsi nella diversificazione del proprio business model con l’acquisto di portafogli di credito da cessione del quinto nel 2014 e con l’avvio del business del credito su pegno nel 2017. Negli ultimi anni la banca ha consolidato la sua posizione nei settori in cui opera, finalizzando due acquisizioni, la prima nel settore della Cessione del quinto, che ha permesso l’avvio dell’origination diretta, la seconda nel credito su pegno, che le ha permesso una crescita considerevole con conseguente strutturazione in tre divisioni (Factoring, CQ e Credito su pegno).

Il mercato del factoring prosoluto verso la PA in Italia è caratterizzato da player specializzati e sostanzialmente riferibile a due banche, di cui una è Banca Sistema. Per il triennio 2021-2023 la Banca svilupperà ulteriormente la propria posizione nei business in cui opera grazie ad uno scenario macroeconomico favorevole caratterizzato dal bisogno di liquidità delle famiglie, dal forte incremento della spesa pubblica, anche a seguito delle conseguenze economiche provocate dalla pandemia ancora in corso, e dalle accresciute esigenze di credito delle medie imprese. In particolare, per il settore del factoring, la crescita prevista sarà frutto anche della stabilità del ritardo dei tempi di pagamento della Pubblica Amministrazione italiana, seppur inferiori rispetto al passato, e dello scenario favorevole alla cessione di crediti fiscali.

Dall’altro lato, la sempre crescente necessità di liquidità delle famiglie, che spesso dispongono di asset illiquidi, e la loro elevata esposizione debitoria verso il sistema bancario, sono elementi favorevoli alla crescita della cessione del quinto e del credito su pegno. Nel business del pegno, quest’anno la Banca porterà a regime gli effetti derivanti dall’acquisizione del ramo d’azienda finalizzato nella seconda metà del 2020.

Gianluca Garbi, CEO di Banca Sistema, ha aggiunto: “Guardando al 2023 vogliamo cavalcare le opportunità offerte dallo scenario macroeconomico per consolidare la nostra posizione nel business del Factoring rappresentando un aiuto concreto per le imprese; evolvere nel settore della Cessione del quinto affiancando i nostri clienti/agenti/mediatori con nuova tecnologia per semplificare la loro esperienza e far prendere il volo alla nostra posizione nel settore del credito su pegno, offrendo ai cittadini un aiuto concreto per rispondere al crescente bisogno di liquidità in modo innovativo”.

Il Piano prevede una crescita degli impieghi del factoring a doppia cifra (CAGR 2020-2023: +20%), con un target al 2023 di 2,6 miliardi, e una crescita dei volumi annui (CAGR 2020-2023: +16%), il cui target al 2023 è di 4,8 miliardi. Tale crescita sarà supportata anche dalle seguenti nuove iniziative: Crescita su mercato spagnolo attraverso la Joint Venture; Offerta di alcuni prodotti prosoluto a clienti stranieri; Focus su debitori privati, ma con basso assorbimento di capitale; Maggior supporto ai clienti per la partecipazione a gare pubbliche; Rafforzamento del canale indiretto (agenti/intermediari/banche); Potenziamento del Servicing. La crescita degli impieghi al terzo anno di Piano porterà l’Income margin1 del factoring in un intorno del 5%.

L’evoluzione dalla posizione attuale nel business della CQ prevede azioni mirate che porteranno gli impieghi a fine 2023 a 1.260 milioni, con una crescita composta annua rispetto al 2020 pari a +11% grazie ad alcune specifiche azioni messe in atto tra le quali: Ulteriore sviluppo del prodotto diretto sia su agenti che mediatori creditizi; Rafforzamento ed efficientamento del canale di origination diretto/outbound; Trading di portafogli, come già fatto nel 2020. Alla crescita degli impieghi in arco Piano corrisponderà un aumento dell’Income margin 2 che al 2023 si attesterà al 3,1%.

L’importanza che Banca Sistema ha conquistato nel business del credito su pegno permetterà al Gruppo (tramite la sua controllata ProntoPegno SpA) di raggiungere al terzo anno del Piano quasi 150 milioni di impieghi (corrispondenti ad un CAGR 2020-2023: del +23%). Tale crescita sarà guidata, oltre che dal consolidamento del ramo acquisito nel 2020 da Intesa Sanpaolo, dalle iniziative che prevedono: Il rafforzamento della rete diretta in Italia; Ulteriore digitalizzazione dei processi di origination del business (la già esistente APP di ProntoPegno costituisce una rilevante forma di primo contatto con la clientela); Crescita esogena, con focus sull’acquisto di portafoglio di player minori; Maggiore focus sulle aste. La forte crescita del business permetterà di superare l’Income margin3 attuale, che al 2023 si attesterà al 16,6%.

Nel corso del triennio verranno implementate azioni ed iniziative che miglioreranno ed efficienteranno il modello organizzativo, come ad esempio l’estensione ed accelerazione dello smart working dopo la positiva esperienza avviata a febbraio dello scorso anno a causa della pandemia. Altre azioni trasversali tra le tre Divisioni includono la maggior digitalizzazione dei processi sia per clienti che per altre controparti e la possibile societarizzazione per il Factoring e CQ, che verrà valutata alla luce di eventuali opportunità di partnership o di mercato.

Queste iniziative, che prevedono degli investimenti nel primo anno di Piano, permetteranno al Gruppo di migliorare il Cost Income, che al terzo anno si prevede scenda al 49%. La crescita totale degli impieghi prevista al 2023 a oltre 4,1 miliardi complessivi (CAGR 2020-2023: +17%), sarà accompagnata da una crescita della raccolta, il cui mix tra Retail e Wholesale sarà simile a quello di fine 2020 ed il cui costo in media, nei tre anni di Piano, è destinato a rimanere in un intervallo tra i 50 e 60 pb. Dato il basso profilo di rischio degli impieghi del Gruppo, il costo del rischio in arco Piano resterà in un intervallo tra i 35 e 40 pb. Con un CET1 ratio e TC ratio superiori rispettivamente nel 2023 al 12% e 14%, il Gruppo genererà un ritorno sul capital (RoTE) maggiore del 16%.

Commenti
    Tags:
    banca sistemabanca sistema piano strategicobanca sistema piano strategico 2021banca sistema impieghi in crescitabanca sistema gianluca garbigianluca garbi
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.