Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Open Fiber: conclusi i lavori per la rete ultraveloce a Gesualdo

Open Fiber, la rete ultraveloce arriva a Gesualdo: connesse 1.422 unità immobiliari

La trasformazione digitale arriva a Gesualdo, dove Open Fiber ha ultimato la realizzazione della nuova rete pubblica di telecomunicazioni ad altissima velocità, raggiungendo 1.422 unità immobiliari grazie a un investimento pubblico totale di 670mila euro. I principali partner operatori e gli Internet Service Provider locali hanno già avviato la commercializzazione dei servizi sulla rete ultraveloce, permettendo ai cittadini, alle imprese e ai professionisti del borgo in provincia di Avellino di beneficiare di connessioni Internet all'avanguardia e altamente performanti.

Il piano di cablaggio è stato presentato alla comunità locale durante un incontro pubblico presso Palazzo Pisapia, al quale hanno partecipato il sindaco Domenico Forgione, Gianvincenzo Savignano (delegato comunale alla Digitalizzazione), Raffaele Mosca dell'Ufficio Speciale per la Crescita e la Transizione Digitale dell'assessorato alla Ricerca, Innovazione e Start Up della Regione Campania, insieme a rappresentanti di Open Fiber, tra cui Costantino D’Avanzo (referente area Sud Affari Istituzionali Territoriali) e il field manager Luigi Petraccaro.

La rete ultraveloce oggi disponibile a Gesualdo si estende per 17 chilometri ed è realizzata con le tecnologie FTTH (Fiber-to-the-home, la fibra ottica stesa fino all’interno degli edifici) e FWA (Fixed Wireless Access, il sistema di connessione radio). Si tratta di un investimento strategico per la digitalizzazione dei territori che non grava sul bilancio del Comune. L’infrastruttura tecnologica, infatti, è stata finanziata con fondi regionali e statali nell’ambito del Piano Banda Ultra Larga (BUL) gestito da Infratel Italia, società del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, con il coordinamento della Regione Campania

Molto ridotto l’impatto per la posa della fibra che ha permesso di riutilizzare il 63% delle infrastrutture esistenti e l’adozione di tecniche di scavo innovative e sostenibili. Tra gli edifici pubblici raggiunti dalla fibra ottica ci sono l’Istituto Comprensivo, l’IIS ‘Aeclanum’, l’asilo nido comunale, la scuola di musicoterapia, il comando dei carabinieri, il Castello, le sedi municipali, la guardia medica e Palazzo Pisapia.

"L’arrivo della banda ultra larga e la vendibilità attiva dei servizi di connettività rappresentano un passo in avanti per la nostra comunità. Siamo soddisfatti di aver raggiunto questo traguardo che, grazie al progetto di Open Fiber, permetterà ai cittadini e alle imprese di usufruire dei vantaggi offerti dalla fibra ottica per il lavoro, lo studio, la telemedicina e l’accesso ai servizi pubblici digitali", ha dichiarato il sindaco Forgione. "Per la nostra Amministrazione è una grande soddisfazione vedere la realizzazione e l’uso della banda ultra larga. Un traguardo frutto della determinazione politica e di sinergia istituzionale al servizio dei gesualdini che potranno essere al passo con il progresso digitale e tecnologico", ha commentato Savignano

"L’elevata richiesta di attivazioni di utenze sulla rete in fibra ottica realizzata a Gesualdo testimonia non soltanto un fabbisogno di connettività per la popolazione e le imprese delle aree interne, ma conferma la validità del piano Banda Ultra Larga e gli investimenti programmati in questo ambito dalla Regione per raggiungere un adeguato livello di digitalizzazione della Campania, in linea con i target di transizione digitale dei territori fissati dall’Unione Europea", ha aggiunto Mosca.

D’Avanzo ha concluso: "La sinergia istituzionale avviata tra Open Fiber, la Regione e l’Amministrazione comunale e con il supporto di Infratel, oggi ci permette di mettere a disposizione della cittadinanza un’infrastruttura di telecomunicazioni a prova di futuro. La nostra azienda è fortemente impegnata per contribuire a ridurre il digital divide del territorio irpino e di altre zone d’Italia, consapevoli che la connettività è un bene primario imprescindibile per la crescita delle persone e lo sviluppo di un’economia locale".





Gli Scatti d’Affari

Giorno della Verità, a Milano si accende il dibattito sul futuro dell'Italia

Gli Scatti d’Affari

Gallerie D'Italia - Milano, apre al pubblico la mostra "Felice Carena"

Gli Scatti d’Affari

ANBI, conclusa la quinta edizione del concorso fotografico 'Obiettivo Acqua'

Gli Scatti d’Affari

Intesa Sanpaolo lancia SPAZIOXNOI, un luogo di socialità per gli over 65

Gli Scatti d’Affari

EALA è il primo hotel sul Lago di Garda ad aggiudicarsi 2 Chiavi MICHELIN

Gli Scatti d’Affari

Open Fiber: annunciato il completamento del Piano BUL in Molise

Gli Scatti d’Affari

Futuro Direzione Nord: presentata la 22esima edizione ‘Road To Europe’

Gli Scatti d’Affari

Agici e Accenture: presentato il 24° Workshop dell'Osservatorio Utilities

Gli Scatti d’Affari

Axpo Italia presenta il nuovo Profilo di Sostenibilità

Gli Scatti d’Affari

SEA, Milano Linate diventa un aeroporto Full Biometric

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


motori
Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Bentley svela la nuova Continental GT Ibrida da 782 CV

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.