A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Quando lo sport diventa un affare: l'inarrestabile ‘fenomeno Padel’
Campo di Padel 

Un fenomeno inarrestabile. Una disciplina sportiva in costante ascesa. E, di conseguenza, anche un ottimo affare. Parliamo del Padel, uno sport relativamente giovane (inventato dal messicano Enrique Corcuera nel 1969) approdato in Italia a metà anni ’90. L’esplosione nel nostro paese è degli ultimi anni. Nel 2017 c’erano in Italia poco più di 200 campi da Padel. Oggi sono più di 2.500. E continuano a crescere. Per chi ancora non fosse familiare con questo gioco, parliamo di una versione ridotta del tennis, praticata a coppie in un campo rettangolare e chiuso da pareti su quattro lati, ad eccezione di due porte laterali. Si gioca con una racchetta dal piatto rigido con cui ci si scambia una pallina esteticamente identica a quella da tennis, ma con una pressione interna inferiore, che permette un maggior controllo dei colpi e dei rimbalzi sulle sponde. Il campo è lungo 20 m e largo 10 m, con muro delimitante che è alto 3 m su gran parte dei lati e 4 m sulla parete di fondo.Insomma, più o meno la grandezza di un campo di calcetto. Con la differenza, sostanziale, che a dispetto del calcio a 5 i costi di manutenzione sono ancora più bassi mentre quelli di ‘noleggio’ (in proporzione) decisamente più alti, circa 40 euro all’ora. Per non parlare di tutti gli accessori correlati, dalla racchetta alle scarpe.

Ad aprile 2019 il numero dei tesserati padel della FIT (Federazione Italiana Tennis) era di 5.915, diventati 7.294 dodici mesi più tardi. Ad aprile 2021 erano già 55mila e tutto lascia pensare che tra pochi mesi si arriverà a più di 100 mila praticanti abituali.

Una crescita vertiginosa, certamente favorita dal fatto che nei primi mesi dell’anno la pratica del padel è stata fra le discipline a subire meno le limitazioni governative, ma che sintetizza alla perfezione l’esplosione di una disciplina che ha saputo sia conquistare praticanti attingendo dal bacino di tanti altri sport.
Nel 2020, il record di iscrizioni mensili per i tornei di padel del circuito FITpra era stato di circa 1.000 partecipanti su scala nazionale, mentre i mesi di marzo e aprile ne hanno raccolte oltre 14.000 ciascuno, secondo un trend destinato a crescere ancora.

È diventato lo ‘sport urbano’ per eccellenza. Prova ne sia che molti centri sportivi stanno sostituendo i campi di calcio a 5 con quelli di Padel.

Il Lazio è attualmente la regione con più campi da padel in Italia, con Roma che la fa da padrone. Seguono a ruota Milano, Torino e Palermo.

Piace agli ex giocatori (Totti, Ibrahimovic in primis, e moltissimi altri) tanto che uno di loro, Zambrotta, è diventato uno dei principali operatori del settore specialmente nella città di Milano.

Nel 2015 erano state solo 99 in tutta Italia le prenotazioni dei campi da padel. Nel 2018 si era arrivati a poco più di 240.000. È stato il 2020 l’anno di rinascita per il padel che, subito dopo la fine del lockdown, ha registrato una crescita esponenziale, toccando la soglia dell’1,6 milioni di prenotazioni di campi in tutta la penisola, sette volte di più rispetto a tre anni prima. Ad oggi, in Italia, il padel rappresenta il 25% del business del settore sportivo amatoriale, con la più alta percentuale di crescita rispetto ai suoi rivali

Lo sa bene Claudio Galuppini, noto imprenditore bresciano, che già nel 2015 ne aveva intuito le potenzialità, decidendo di convertire la sua FORGIAFER, dapprima azienda leader nella produzione di cancelli, in una nuova società per entrare fin da subito nel mercato del padel. È così che è nata ITALIAN PADEL, divenuta in brevissimo tempo l’azienda numero uno in Italia e in Europa per la produzione di campi da padel e la società capofila della rivoluzione tecnologica e sostenibile che questo sport sta affrontando.

L'obiettivo ultimo di ITALIAN PADEL, infatti, è proprio quello di contribuire in prima persona a rendere il padel uno sport sempre più innovativo, tecnologico e al passo con le ultime attrezzature, il tutto nel pieno rispetto della sostenibilità e dei territori circostanti gli impianti. Ne è un esempio evidente PADEL CUBE, una soluzione prefabbricata itinerante ideata proprio dalla società bresciana, realizzata per offrire una soluzione a basso impatto ambientale che alleggerisca tutto l'iter burocratico necessario per la richiesta e la costruzione di un nuovo impianto da padel: il tutto può essere fornito e posato nell'arco di sole 24 ore.

“La scommessa di Italian Padel, che ha trasformato un'impresa in difficoltà per colpa della crisi economica degli anni precedenti in uno splendido modello di riconversione, è diventata la più grande azienda europea specializzata nella produzione di strutture per campi da padel, e una delle principali nel mondiale di uno sport in continua espansione ed evoluzione come possiamo vedere dai numeri”, afferma CLAUDIO GALUPPINI, “La visione futura di Italian Padel è quello di fornire servizi esclusivi alla clientela, incrementando il proprio portfolio con servizi innovativi e tecnologici di ultima generazione, creando una vera e propria community del padel. Incisivo sarà anche il fattore sostenibilità, che Italian Padel promuove con nuove soluzioni più versatili in grado di risolvere le molteplici restrizioni e complicanze burocratiche”.

Ma non solo. Per portare il gioco del padel ad un livello superiore, ITALIAN PADEL ha lanciato una serie di nuove collaborazioni con importanti realtà italiane, specializzate in settori diversi ma tutte con il medesimo obiettivo: fornire servizi e prodotti all’insegna dell’innovazione tecnologica e sostenibile.

Nel campo dell'abbigliamento, Italian Padel ha avviato una collaborazione con CI.ZERO®azienda mantovana di intimo termico e abbigliamento sportswear, che si distingue sul mercato grazie alla particolare lavorazione di materiali e filati ideali per sportivi professionisti e amatoriali.

Nell’ambito del padel, CI.ZERO® ha recentemente sviluppato un prodotto unico nel suo genere, il TRAINING TECH PADEL, ovvero una tuta dal semplicissimo utilizzo ma che, grazie agli elettrodi elettro stimolanti e alla rivelazione wireless di dati biometrici di cui è dotata, è attualmente l’unico capo d'abbigliamento sportivo in grado di rilevare in tempo reale i parametri vitali e prestazionali di un atleta. Grazie a questa tuta, il giocatore potrà avere riferimenti chiari e diretti su come rinforzare la parte muscolare e perfezionare la propria forma fisica.

Dal punto di vista delle attrezzature, Italian Padel ha fatto affidamento su EYES VISION SRLstart-up italiana fondata nel 2016 e specializzata nelle tecnologie della computer-vision applicate alla pratica degli sport con racchette, in primis tennis e padel.

Nel’ambito del padel, EYES VISION SRL ha sviluppato EYES ON, un sistema di telecamere all'avanguardia per la ripresa e la video analisi automatica e in real time. Con questo strumento, i giocatori avranno la possibilità di ricevere feedback sulle loro prestazioni sportive (traiettoria di ogni colpo, caratteristiche cinetiche della pallina giocata, etc.) senza bisogno di indossare alcun dispositivo e direttamente sul campo da gioco. Le telecamere possono essere installate e predisposte su ogni superficie di giocomantenendo sempre la qualità necessaria per poter utilizzare gli algoritmi proprietari basati sulla tecnologia della computer-vision.

Per quanto riguarda invece il settore della costruzione di impianti e superfici da gioco, Italian Padel ha scelto come sua alleata PLAY-IT®, una tra le aziende italiane leader nella costruzione e ristrutturazione di campi da tennis e polivalenti.

Tra gli ultimi progetti di cui si è occupata, PLAY-IT® ha progettato e sviluppato una superficie ideale per la realizzazione di campi da tennis, pallacanestro, pallavolo, calcio a 5 e, soprattutto, padel. Questo nuovo tipo di campo da gioco, denominato PLAY-FLEX COMFORT®, è dotato di una particolare elasticità nella composizione, che garantisce il massimo comfort di gioco e assicura il minimo rischio di traumi alle articolazioni.

Nel campo della sostenibilità e del riciclo dei materiali, Italian Padel ha stretto una partnership con SABBIA DI PARMA, società parmense specializzata nella produzione e distribuzione di sabbie silicee e quarzifere, nonché una delle uniche due società al mondo dotate della tecnologia per riciclare i campi in erba sintetica.

Nell’ambito del padel, infatti, grazie al brevetto di due sistemi innovativi (uno fisso e uno mobile), SABBIE DI PARMA ha ideato e sviluppato un impianto di riciclo e un centro di raccolta progettato per l’elaborazione e la trasformazione dell’elemento sintetico a nuova materia prima.

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    padelsportbusiness
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.