A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
UniCredit, la partnership con Microsoft Italia: al via "Together4Digital"

UniCredit, al via la partnership con Microsoft Italia per la digitalizzazione delle imprese 

Lanciato il progetto “Together4Digital” con l’obiettivo di supportare i processi di rafforzamento delle competenze digitali delle aziende italiane, in linea con l’agenda PNRR Irrobustire e velocizzare i percorsi di trasformazione digitale già avviati da numerose imprese italiane, in linea con il Piano nazionale di ripresa e resilienza del Governo (PNRR), di cui la digitalizzazione rappresenta uno dei pilastri fondamentali: è questo, in estrema sintesi, l’obiettivo principale che ha portato due eccellenze come UniCredit e Microsoft Italia a siglare una nuova partnership per supportare la crescita delle PMI combinando competenze digitali e finanziarie.

Parte infatti oggi il progetto “Together4Digital”, un piano strutturato per sostenere e formare le imprese, fornendo loro competenze, tecnologia, strumenti per una crescita sostenibile, digitale e finanziaria. Più nel dettaglio le parti si propongono di affiancare le imprese nei loro piani di trasformazione digitale con interventi mirati e strumenti specifici a più livelli: con la valutazione dell’investimento digitale dal punto di vista finanziario, con analisi dei ritorni per l’impresa in termini di nuovi flussi di casse generati, e sostegno finanziario dello stesso; con l'offerta di percorsi di formazione a cura della Banking Academy di UniCredit realizzati a valle di assessment effettuati dalle imprese su una piattaforma ad hoc di Var Group e con la proposta di soluzioni digitali tarate sui bisogni e le caratteristiche delle imprese per supportarne la crescita sostenibile.

Il progetto “Togheter4Digital” rientra a pieno titolo nell’ambito degli interventi previsti da Piano nazionale Transizione 4.0, ecosistema del PNRR a cui sono destinati 18 miliardi di euro e che prevede facilitazioni fiscali e finanziarie a sostegno degli investimenti in beni tecnologicamente avanzati, ricerca e formazione 4.0 (Crediti di Imposta fino al 50% a sostegno investimenti in beni strumentali materiali e immateriali funzionali alla transizione digitale, credito di imposta fino al 50% a sostegno degli investimenti in Formazione 4.0 e competenze digitali, etc..).

Il nuovo progetto si inserisce nel più ampio piano d'azione strutturato da UniCredit a supporto del PNRR e che ha portato la banca alla creazione di una task force dedicata e strutturata per supportare le 6 mission del PNRR. Lo stretto rapporto tra digitale e sostenibilità aziendale e inclusione sociale è stato evidenziato recentemente anche da uno studio elaborato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con Microsoft Italia, Secondo la ricerca, tra il 2020 e il 2030 il digitale contribuirà ad abbattere fino al 10% delle emissioni rispetto ai livelli del 2019, con un impatto pari a quello incrementale delle energie rinnovabili. Sotto il profilo della sostenibilità economica, le aziende digitalizzate sono il 64% più produttive rispetto alle aziende che non hanno ancora attuato percorsi di trasformazione digitale. Dal punto di vista della sostenibilità sociale, l’adozione di nuove forme di lavoro a distanza è secondo il 63,7% del campione la principale leva attraverso cui il digitale può contribuire alla sostenibilità sociale

Dichiara Andrea Casini, Responsabile Imprese di UniCredit Italia: “La trasformazione digitale ha un ruolo determinante per dare nuovo impulso alla competitività del sistema produttivo italiano e il PNRR e le misure previste dal nuovo Piano Transizione 4.0 aprono una importante finestra di opportunità. Gli investimenti sul  digitale possono infatti creare un circolo virtuoso in grado di accelerare non solo la ripresa ma anche l’evoluzione verso nuovi modelli di business e di vita più sostenibili, dal momento che il tema della digitalizzazione è strettamente connesso ai temi dell’inclusione sociale e della sostenibilità. La piattaforma Together4Digital che presentiamo oggi con un partner di sicura affidabilità come Microsoft Italia si muove in questa direzione, offrendo alle PMI formazione su temi strategici e un pacchetto di servizi e soluzioni disegnate per accompagnarle nel percorso di transizione digitale e di crescita sostenibile”.

L’Italia ha davanti a sé un presente e un futuro di opportunità senza precedenti. Grazie al PNRR il nostro Paese può tornare a percorrere la strada dell’innovazione e dare nuovo impulso allo sviluppo economico. È arrivato quindi il momento di accelerare sulla digitalizzazione, aiutando le imprese ad adottare nuovi modelli di business per contribuire in modo attivo a una crescita sostenibile. Tecnologie come il Cloud e l’AI possono infatti migliorare processi, consentire lo sviluppo di prodotti e servizi nuovi, sostenere modalità di lavoro collaborative e flessibili, promuovendo una maggiore sostenibilità ambientale e sociale. Il cambiamento è alla portata di tutti, grandi imprese ma anche piccole realtà. La collaborazione con Unicredit darà un contributo concreto proprio in questa direzione” ha commentato Luba Manolova, Direttore della Divisione Microsoft 365 di Microsoft Italia

Commenti
    Tags:
    unicredit microsoft italiaunicredit casiniunicredit together4digitalunicredit digitalizzazione impreseunicredit partnership 2021
    i più visti
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot rinnova la gamma 508

    Peugeot rinnova la gamma 508

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.