A- A+
Economia
Quel relitto sommerso vale milioni: la caccia al tesoro piace a WS

Un po' 20 mila leghe sotto i mari e un po' i Goonies. Questa è una storia di oro e di esplorazioni. E' anche un caso di borsa, che si fa interessante già dal nome dell società coinvolta, la Odyssey Marine Exploration. La società, quotata al Nasdaq, negli ultimi cinque giorni ha guadagnato più dell'8%. Il motivo? Un ritrovamento ricco, ricchissimo. Mille once d'oro (poco meno di 30 chili), pari a un valore di 1,3 milioni di dollari, sono stati pescati da una nave affondata, a causa di un uragano, nel 1857 con a bordo 21 tonnellate d'oro.

Come nella più classica caccia al tesoro, c'è ancora molto da scoprire. La Odyssey Marine Exploration ha da poco ottenuto i permessi per immergersi, perché la licenza era stata acquistata, nel 1988, da un'altra spedizione. Con quali risultati? I primi esploratori riuscirono a recuperare materiale per una valore di 40 milioni di dollari, pur esplorando solo il 5% del relitto.

Quella ricca spedizione finì in tribunale. Il suo promotore, l'ingegnere Tommy Thompson, fu accusato di non aver pagato i suoi collaboratori. E' latitante dal 2012, da quando non si presentò a un'udienza del processo. Adesso la Odyssey si è conquistata il diritto di finire la sua missione. La caccia al tesoro è solo comunciata. E la borsa ci crede.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
oroodisseyborsa
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.