A- A+
Economia
Ovs sbarca in Borsa il 2/3: conti di nuovo in utile, no acquisizioni

E' fissato per lunedi' 2 marzo il debutto in Borsa di Ovs. La societa' del gruppo Coin, che incorpora i marchi Oviesse e Upim, punta a portare a piazza Affari fino al 49,3% del capitale sociale, per una valorizzazione che potrebbe arrivare a 756 milioni. All'appuntamento, rimandato nell'ottobre scorso per l'instabilita' dei mercati, il gruppo promette di presentarsi con conti di nuovo in utile dopo tre 'rossi' consecutivi. Le risorse raccolte con la quotazione "resteranno tutte all'interno del gruppo e non serviranno a ripagare i debiti di Coin", ha chiarito l'amministratore delegato del gruppo, Stefano Beraldo (nella foto in basso). Il futuro di Ovs sara' poi improntato alla crescita, soprattutto in Italia ma senza acquisizioni. 

"Il mercato italiano e' molto frammentato, i primi cinque operatori del settore hanno il 12% ma tra dieci anni avranno molto di piu': se non facciamo noi questo consolidamento nel mercato lo fara' qualcun altro", ha spiegato Beraldo presentando l'operazione. "Non abbiamo acquisizioni nel radar, non ne abbiamo in vista - ha sottolineato - anche se in Italia ci sono tante occasioni per gli effetti della crisi". Il gruppo procedera' quindi con la crescita del numero di negozi, al ritmo di una trentina l'anno a partire proprio dal 2015. Piu' cauto l'approccio ai mercati esteri: "Sono riluttante perche' non voglio correre il rischio di distrarre risorse dal consolidamento in Italia, che e' il nostro obiettivo fondamentale. Tuttavia ci dedicheremo anche all'estero", ha detto ancora il manager.

Sul fronte dei conti, Ovs "sara' in utile gia' nell'esercizio 2014", chiuso il 31 gennaio 2015, e "a maggior ragione lo sara' nel 2015", ha indicato Beraldo. L'offerta pubblica prevede il collocamento di 91 milioni di azioni riservato agli investitori istituzionali e di ulteriori 10 milioni di azioni destinate al pubblico in Italia. Ottantasette milioni di titoli deriveranno da un aumento di capitale e i restanti 14 milioni saranno venduti dal gruppo Coin, oggi azionista unico di Ovs. "Tutti i mezzi raccolti col collocamento primario - ha sottolineato Beraldo - restano in Ovs e vanno a rafforzarne il patrimonio, mentre la piccola parte di secondario andra' a Coin come pagamento di partite 'inter company'". Banca Imi, Bofa Merrill Lynch, Goldman Sachs e UniCredit sono i 'global coordinator' dell'operazione; Credit Suisse e Hsbc sono 'joint bookrunner'. Banca Imi e' anche responsabile del collocamento e sponsor dell'offerta. 

stefano beraldo ovs ape
 
Tags:
ovsborsasbarcacontirossoutile
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.