A- A+
Economia


 

È mancato un voto. Non passa a Palazzo Madama la nomina di Pier Carlo Padoan alla presidenza dell'Istat. Alla Commissione Affari costituzionali, che ha espresso il parere obbligatorio sulla sua designazione, Padoan ha ottenuto 17 voti favorevoli, uno in meno di quelli necessari per una votazione a maggioranza dei due terzi. La commissione è composta da 27 membri. Cinque i voti contrari e una scheda bianca mentre sarebbero stati necessari 18 voti favorevoli.

Il senatore di Fi, Donato Bruno, ha espresso critiche alla procedura adotta dal governo che non ha svolto, a suo giudizio, le "necessarie consultazioni" per "valutare i profili di altre personalità" e "fugare il dubbio" che la scelta di Padoan possa essere stata decisa sulla base di "ragioni di appartenenza politica" (legate a incarichi ricoperti da Padoan nella fondazione Italianieuropei). Anche Nicola Morra (M5s) ha rilevato che sarebbe stato opportuno ascoltare il candidato prima del voto. Ora tutta la procedura è da rifare, con l'indicazione di un nuovo nome da parte dell'esecutivo, che protrebbe anche riproporre quello di Padoan stesso, e nuove votazioni.

"Necessaria una massiccia dose di autolesionismo e di indifferenza verso l'interesse dell'Italia per votare contro la nomina del prof Pier Carlo Padoan a presidente dell'Istat, come avvenuto, con voto segreto, in Commissione Affari Costituzionali del Senato", dice Stefano Fassina (Pd). "Il prof Padoan lascia i vertici dell'Ocse per mettersi al servizio del Paese. Una straordinaria opportunità da cogliere. Parlamento e governo devono recuperare l'errore".

Tags:
padoanistatgovernoletta
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.