A- A+
Economia
Pango, quando le donne curvy sono un business per il made in Italy di qualità

Un fiore all'occhiello del made in Italy, incentrato sul business dell'abbigliamento per donne curvy che, oltre a lavorare come terzista, ha lanciato anche una propria linea di successo con il marchio Gaia, capi che vengono esportati anche all'estero.

E' la storia di Pango, gruppo di Bassano Bresciano che festeggia i 40 anni di attività, con 43 dipendenti (più 70 che lavorano nell'indotto) all'attivo che nel 2013 ha fatturato 11 milioni di euro (un po' in calo per la crisi, ma anche per scelte strategiche che hanno portato il management ad abbandonare alcuni clienti problematici), amministrata da Gianfranco Scotuzzi, imprenditore di seconda generazione.

"Presentiamo circa 200 capi per stagione che distribuiamo ai nostri 500 clienti e ai nostri 8 negozi in Italia a marchio Gaia", racconta Scotuzzi in una videointervista al direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino. L'industriale spiega come "la più grande difficoltà per un'azienda come la sua che lavora nella moda sia quello dell'incasso nelle vendite". Difficoltà che porta a "selezionare la clientela". E al presidente del Consiglio Matteo Renzi chiede "meno Irap".

Guarda la videointervista integrale con Scotuzzi che offre un quadro interessante su come opera un'azienda di nicchia del made in Italy.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pangocurvygaia
i più visti
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa


casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.