A- A+
Economia
Partecipate/ Piazza Affari boccia il cambio in Eni, Enel e Finmeccanica

Piazza Affari tiepida sulle partecipate del Tesoro quotate alle prese con il ricambio dei vertici che nel caso dell'Eni e dell'Enel hanno portato all'uscita dei manager amministratori delegati in sella da tre mandati.

C'è da dire che ieri in attesa del deposito delle liste stilate dall'azionista pubblico (di maggioranza relativa) la borsa aveva premiato il ricambio che si prefigurava dopo che le indiscrezioni riferivano di un azzeramento di tutti i vertici di Enel, Eni e Finmeccanica (rimasto il presidente Gianni De Gennaro) e quindi oggi, in un listino negativo, per la pubblicazione di nuovi dati sui flussi di capitali dal sistema bancario verso l'economia cinese che ha smorzato l'entusiasmo generato ieri dagli indicatori sul mercato retail statunitense, potrebbe trattarsi di prese di beneficio.

In chiusura l'indice Ftse Mib segna un calo del 2,33% (peggior risultato in Europa).  Finmeccanica scende del 5,22% e Ansaldo Sts del 4,81%, con il mercato che teme un cambiamento di linea riguardo alle ipotizzate cessioni della stessa Sts e di Ansaldo Breda. Eni tiene (-0,38%) dopo l'indicazione del governo sul nuovo a.d., giudicata nel segno della continuità. Enel invece lascia sul terreno il 3,39%.

 Ansaldo Sts (-4,81%) dopo le nomine dei nuovi vertici decise dal governo, con il mercato che teme un cambiamento di linea riguardo alle ipotizzate cessioni della stessa Sts e di Ansaldo Breda. Eni tiene (-0,38%) dopo l'indicazione del governo sul nuovo a.d., giudicata nel segno della continuita'.

Per quanto riguarda le due principale partecipate del Tesoro e cioè le società energetiche Eni ed Enel, il ministero dell'Economia ha optato per una scelta all'insegna della continuità. Il Cane a sei zampre sarà guidato da un fisico. Sarà infatti Claudio Descalzi, una vita nell'Eni e attuale capo della divisione Esplorazione del gruppo, il nuovo amministratore delegato del colosso petrolifero, successore di Paolo Scaroni. Il suo nome infatti figura nella lista che il Governo ha presentato per il rinnovo del Cda in vista dell'assemblea che si terra' il prossimo 8 maggio. Indicata invece come presidente Emma Marcegaglia. Alla ex leader di Confindustria spetterà raccogliere il testimone da Giuseppe Recchi.

All'Enel, l'eredità di Fulvio Conti sarà raccolta da Francesco Starace, attuale numero uno di Enel Green Power. Alla presidenza va Patrizia Grieco, attuale presidente di Olivetti, già manager di Siemens informatica. L'assemblea del gruppo è convocata per il 22 maggio. Gli altri nomi del governo sono Alberto Pera, Alberto Bianchi, Andrea Gemma e Paola Girdinio.

Trasloco importante per Mauro Moretti. Il numero uno delle Ferrovie ("Tra poche ore o giorni il nuovo a.d. di Ferrovie", ha assicurato ieri il sottosegretario Delrio) diventerà infatti amministratore delegato del colosso italiano della difesa, al posto di Alessandro Pansa. Gianni De Gennaro resterà invece al suo posto di presidente. I loro nomi figurano nella lista che il governo ha presentato per il rinnovo del Cda di Finmeccanica in vista dell'assemblea convocata per il 9 e il 15 maggio. Riminese, 61 anni, ex sindacalista della Cgil e una lunga carriera in Ferrovie, Moretti e' stato nominato alla guida di Fs dal governo Prodi nel settembre del 2006.  Ha rivendicato piu' volte i risultati ottenuti alla guida della societa', difendendo a spada tratta il suo maxi-stipendio, e in occasione della presentazione dell'ultimo piano industriale ha sottolineato che Fs ha registrato "il settimo utile in bilancio consecutivo, vicino ai 500 milioni nel 2013, in crescita rispetto ai 381 milioni del 2012".

Per Terna, la società che amministra la rete elettrica e guidata da Flavio Cattaneo, si prepara invece Catia Bastioli, cui spetterà la presidenza. La Bastioli è l'amministratore delegato di Novamont, azienda novarese leader nella produzione di chimica e plastica verde. La nomina dell'a.d. di Terna spetta alla Cassa Depositi e Prestiti.

Tags:
partecipatetesoro

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.