A- A+
Economia
vendola

I vincoli del Patto di Stabilità stanno uccidendo il Paese e i presidenti di Lombardia, Lazio, Puglia e Veneto lanciano una "larga alleanza" per chiedere al governo di intervenire, altrimenti si sancirà la "condanna a morte delle Regioni, dei Comuni e dell'intera societa'". "Da oggi intendiamo cominciare una campagna quotidiana, un vero e proprio battage su una questione che ci sta condannando a morte", ha detto Nichi Vendola. "Il cappio al collo che abbiamo da anni si sta stringendo sempre di più. Siamo in recessione da 21 mesi e senza un allentamento del patto non possiamo sopravvivere: non arriveremo vivi al 2014". "Metteremo in atto ogni iniziativa di mobilitazione perché non si spengano i riflettori", ha aggiunto Nicola Zingaretti, secondo cui "dietro a questi freddi numeri ci sono i suicidi e il terrore delle famiglie che non ce la fanno". L'allarme e' condiviso dai presidenti leghisti di Lombardia e Veneto Roberto Maroni e Luca Zaia, che non erano presenti alla conferenza stampa ma che hanno delegato Vendola e Zingaretti a parlare anche a loro nome.

Dobbiamo avere il coraggio di dire la verità: l'Europa ha usato la medicina sbagliata, la sofferenza di oggi non è figlia della crisi del 2008, ma delle risposte errate date a quella crisi. Gli Stati Uniti stanno uscendo dalla crisi, Inghilterra e Giappone sono in ripresa. Solo l'Europa sta condannando sè stessa alla fine. Le politiche depressive minacciano la democrazia e non possono essere contestate in chiave sentimentale e poi essere lasciate intatte.

maroni zaia

L'Europa ha imboccato, così, la strada della propria dissoluzione". Zingaretti ha ribadito che "le politiche di rigore e dei tagli lineari senza tenere conto della qualità della spesa stanno uccidendo l'Italia e colpendo in modo ingiusto coloro che nei vari livelli di governo hanno provato ad applicare buone pratiche di spesa pubblica. Abbiamo accolto con convinzione l'invito di Vendola ad alzare la voce perché è giusto rilanciare questi argomenti in queste settimane in cui si sta provando a ridefinire una politica economica". Secondo i dati forniti il Patto di Stabilità ha "stretto la corda per le Regioni" in termini di spesa per i cittadini in maniera molto significativa: nel Lazio si e' passati da una spesa di 1.016 euro procapite nel 2007 a 354 euro procapite nel 2013, pari a un taglio del 64%. In Puglia, per rispettare i vincoli del Patto si è passati da una spesa di 724 euro pro capite nel 2007 a 328 euro per quest'anno (-55%). In Lombardia il taglio ha inciso leggermente di meno passando da una spesa procapite di 475 euro nel 2007 a una spesa di 322 euro a cittadini nel 2013, circa il 30%.

Per il governatore del Lazio Zingaretti "oltre all'Imu il Governo deve dare pari dignità alle nostre richieste". Cambia il lessico ma non la sostanza nelle parole di Luca Zaia: contro "il patto di stabilità interno, un'invenzione tutta italiana, serve "una falange macedone" fatta da tutte le Regioni virtuose, da Nord a Sud, per "stritolare i palazzi romani".

Tags:
vendolapatto di stabilitàregioni
i più visti
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.