A- A+
Economia
Pensioni, 67 anni e 25 di contribuiti: la nuova proposta. Chi ci guadagna

Pensioni, 67 anni e 25 di contribuiti: la nuova proposta. Chi ci guadagna

Manca una manciata di mesi all'apertura della sessione di bilancio, quando il governo sarà chiamato a disegnare la manovra di bilancio 2025. Sul fronte della previdenza, sembra emergere un consenso, almeno preliminare, verso la riforma organica delle pensioni, privilegiando però, per il momento, soluzioni mirate che facilitino l'uscita precoce dal mondo del lavoro. L'obiettivo di fondo rimane quello di aumentare la sostenibilità di un sistema pensionistico sotto pressione a causa dell'invecchiamento demografico della popolazione. Questa necessità emerge con chiarezza dall'ultimo Documento di economia e finanza che prevede un incremento della spesa per le prestazioni sociali, segnatamente le pensioni, nei prossimi anni. L'ultimo Documento di economia e finanza (Def) segnala un'attesa crescita della spesa per le prestazioni sociali, che vedrà un aumento del 5,3% nel 2024, seguito da un incremento medio annuo del 2,5% nel triennio 2025-2027. Un focus particolare è posto sulla spesa pensionistica, destinata a salire del 5,8% nel 2024 e del 2,9% annualmente nel successivo triennio.

LEGGI ANCHE: Pensioni, nuova mazzata sui trentenni: potranno "staccare" solo a 70 anni

Recentemente, Alberto Brambilla e Antonietta Mundo hanno proposto nuovi schemi di flessibilità previdenziale. Si prefigge l'introduzione di un corridor di età tra i 63/64 anni e i 72 anni per l'accesso alla pensione, con penalizzazioni per chi opta per il ritiro anticipato prima dei 67 anni. La loro idea mira a una maggior flessibilità in uscita, tenendo conto delle specificità di ciascun lavoratore.

Pensioni, quota 103 e le sue alternative

A dicembre terminerà Quota 103, lasciando spazio a nuove normative che richiederanno almeno 67 anni per la pensione anticipata dal 2025, se non verranno adottate proroghe. Tra le opzioni prese in considerazione dal governo e dalla maggioranza, spicca l'ipotesi di Quota 41, che permetterebbe l'uscita dal lavoro con 41 anni di contributi semplicemente, accettando una riduzione fino al 20% dell'assegno pensionistico.

Nel loro approccio alla riforma, Brambilla e Mundo enfatizzano la necessità di riconoscere e razionalizzare le uscite per lavori gravosi, proponendo penalizzazioni per chi lascia l'attività prima dei 67 anni. Sottolineano inoltre l'importanza di impedire pensionamenti anticipati eccessivamente generosi che graverebbero sul bilancio dello Stato.

La proposta include una modifica dell'età minima di contribuzione da 20 a 25 anni e introduce un requisito di sostenibilità per la pensione a 67 anni, prevedendo un assegno almeno 1,5 volte superiore all'assegno sociale. Ciò mira a migliorare l'adeguatezza delle pensioni e a ridurre la durata delle prestazioni, un fattore critico in un contesto di invecchiamento demografico.

L'idea cardine è quella di garantire la sostenibilità del sistema pensionistico, già messo a dura prova dal crescente debito pubblico. La proposta Brambilla-Mundo mette in luce l'urgenza di adeguamenti che tengano conto delle dinamiche demografiche e finanziarie, includendo incentivi per chi sceglie di rimanere attivo oltre i limiti di età convenzionali. La speranza è quella di equilibrare le esigenze immediate con la prospettiva di un sistema previdenziale affidabile e robusto per le generazioni future.






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.