A- A+
Economia
Pensioni, nel Regno Unito da oggi si possono ritirare tutti i contributi a 55 anni

Aumentare il reddito disponibile dei contribuenti di Sua Maestà per incentivare i consumi e, in seconda battuta, l'economia britannica. Ma anche sgravare il sistema pensionistico inglese di una platea di potenziali pensionati che, per il miglioramento delle condizioni di vita, beneficieranno sempre di più degli effetti di una speranza di vita sempre più lunga. E' la ratio che ha spinto il governo Cameron a varare la riforma del sistema pensionistico in Gran Bretagna che entra oggi in vigore: ciascun lavoratore con 55 anni di età potrà ritirare tutto il montante dei contributi annui da lui versati nella propria carriera. In base alla nuova normativa, un quarto sarà "tax free", mentre i restanti tre quarti saranno sottoposti a tassazione ordinaria. Chi ritira tutti i propri contributi, non avrà più diritto ad una pensione pubblica.

Non tutti però vedono bene la nuova riforma. The Guardian, ad esempio, fa notare che, a queste condizioni, la convenienza dell’operazione è opinabile: considerando che i tre quarti della pensioni saranno sottoposti a tassazione ordinaria del 40%, chi, ad esempio, abbia messo da parte 200mila sterline ne riceverà per esempio 50mila “pulite”, ma sulle altre 150mila dovrà versarne circa 53.600 di tasse. Altri evidenziano come i lavoratori che oggi decidono di intascare tutti i propri contributi, domani rischiano di ritrovarsi completamente impoveriti in età avanzata.

In realtà, il primo a chiedere i propri contributi al Tesoro di Sua Maestà britannica è stato Michael Dunn, un ragioniere di 57 anni del Devon: i suoi soldi per la pensione finanzieranno il restauro del tetto della chiesa del suo comune. Non tutti spenderanno però i loro contributi pensionistici per investimenti  simili, o comunque utili a mantenersi in vecchiaia. In molti, dicono i detrattori della riforma, li useranno semplicemente per pagarsi auto o vacanze di lusso. Altri  pensano di ritirare i propri risparmi per il futuro e finanziare una nuova vita all’estero, magari in Paesi con un clima più mite della piovosa Gran Bretagna o dove l’economia è attualmente più florida, come l’Australia, la Nuova Zelanda o il Sud est asiatico.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
regno unitopensionicontributi
i più visti
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi


casa, immobiliare
motori
Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.