A- A+
Economia
Petrolio, Ubp: il prezzo non salirà nel lungo periodo. Ecco perché
Lapresse

Stati Uniti (che hanno accusato l’Iran), Cina e Giappone non hanno interesse a gettare benzina sul fuoco nell’area mediorientale dopo gli attacchi agli impianti di Abqaiq e Khurais in Arabia Saudita, fra i più grandi del mondo, costringendo Riad a fermare oltre metà della sua produzione totale di petrolio (5,7 milioni di barili equivalenti al 6% dell’offerta globale). Sicuramente per il momento. Quindi, nel medio-lungo termine l'incidente in Arabia dopo gli attacchi di droni (di cui i ribelli Houthi hanno rivendicato la responsabilità) avrà un impatto limitato sugli equilibri dell’offerta di petrolio a livello mondiale. E dunque sul prezzo del barile di greggio. Lo sostiene Névine Pollini, senior commodity analyst di Union Bancaire Privée. 

“Lunedì il Brent - spiega l’analista - ha chiuso con un prezzo più alto del 14,60% e l’incidente dovrebbe spingere al rialzo il prezzo del greggio nel breve termine”. Ma anche se l’entità del danno e la durata dei disagi non sono chiare, stando a quanto riportato da Bloomberg, l’Arabia Saudita “potrebbe già in pochi giorni ripristinare un volume significativo della propria capacità produttiva momentaneamente interrotta, ma ha bisogno di settimane per tornare a pieno regime”.

“Nel frattempo Aramco - aggiunge Pollini - ha fatto sapere che rispetterà i termini di consegna dei propri clienti ricorrendo alle scorte esistenti e riteniamo che l’andamento del prezzo del petrolio potrebbe influenzare l'esito delle elezioni negli Stati Uniti, in quanto interruzioni importanti e prolungate dell'offerta potrebbero minacciare la già fragile economia statunitense. In quest'ottica, il presidente Trump, che corre per la rielezione, ha chiesto ai produttori nazionali di aumentare la loro produzione e ha acconsentito al ricorso alle riserve strategiche di petrolio statunitensi, se necessario”.

“A nostro avviso - caggiunge e conclude Pollini - nell'attuale contesto macroeconomico in rallentamento, molti Paesi temono l'impatto dell'escalation del conflitto in Medio Oriente, specialmente quelli che fanno affidamento sulle importazioni di energia - tra cui Cina e Giappone - che sarebbero i più esposti all'impennata dei prezzi del petrolio”.

Commenti
    Tags:
    petrolioprezzo del petrolioubp petrolio
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dal Covid al tasso di natalità L'idea di Gallera in versione hot

    Coronavirus vissuto con ironia

    Dal Covid al tasso di natalità
    L'idea di Gallera in versione hot


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Sulla Citroen Grand C4 SpaceTourer debutta la "C-Series"

    Sulla Citroen Grand C4 SpaceTourer debutta la "C-Series"

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.