A- A+
Economia
Mercato auto, fine di una dinastia: Stato e Cina entrano in Peugeot

Anno difficile quello appena trascorso per Peugeot Citroen che ha chiuso il 2013 con una perdita netta di 2,3 miliardi di euro, pur dimezzandola rispetto ai 5 miliardi di rosso del 2012. La casa automobilistica francese ha pero' annunciato l'ingresso nel suo capitale della cinese Dongfeng insieme allo stato francese che porranno termine al controllo di una delle piu' antiche dinastie industriali del paese.

Peugeot lancerà un aumento di capitale da 3 miliardi di euro, mentre lo stato francese e Dongfeng investiranno nel gruppo 800 milioni di euro, corrispondenti al 14% del capitale della compagnia automobilistica. Allo stesso tempo, la famiglia Peugeot, fondatrice della casa automobilistica nel 1810, vedra' diluita la sua partecipazione, che attualmente e' del 25% con il 38% di diritto di voto, alla stessa quota dello stato francese e della societa' cinese.

Tags:
peugeotautocina
i più visti
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."


casa, immobiliare
motori
Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Ford apre gli ordini per il Ranger Raptor di nuova generazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.