A- A+
Economia
Piove, Euro ladro!

Di Giovanni Esposito

La perdita di competitività? Colpa dell’Euro. La disoccupazione? Colpa dell'Euro. La caduta del Pil? Colpa dell'Euro. Il debito pubblico? Colpa dell'Euro. Le polizze auto crescono? Colpa dell'Euro. Oggi Piove? Euro ladro!

È vero, Eurolandia così come concepita e realizzata è un’istituzione ricolma di criticità. Ciò nonostante l’identificazione della moneta comunitaria con la madre di tutte le colpe sta raggiungendo lo stadio della pericolosità. Non solo in termini di tenuta della pace sociale.

L’Euro è divenuto il parafulmine ideale, il luogo comune per eccellenza, lo slogan sulla bocca dei populisti, l’alibi dietro di cui nascondersi per non risolvere i problemi. Cosicché improbabili oratori hanno convinto buona parte dell’opinione pubblica che, con il ritorno alle monete nazionali, i debiti pubblici potrebbero crescere all’infinito. Che basterebbe stampare banconote a gogò per pagare pensioni e stipendi e per fornire beni e servizi a tutta la popolazione.  

In merito all’Italia, non corrisponde neanche al vero che le difficoltà sistemiche di rimanere sul mercato reggendo la concorrenza siano iniziate con il cammino di avvicinamento alla Uem. Il declino ha irreversibilmente mosso i primi passi alla fine degli anni Sessanta per poi subire una forte accelerazione nel 1975 con l’introduzione della “scala mobile” (ufficialmente indennità di contingenza).

Continuare a imputare la colpa di tutti mali alla Moneta Unica e vedere la conseguente risoluzione dei problemi nella sua distruzione, fa il gioco di un’inadeguata classe politica che altrimenti non riuscirebbe a sottrarsi alle proprie responsabilità.

http://espositopartners.blogspot.com/

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eurounione europeacrisi
i più visti
in evidenza
Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

Come sarà il weekend

Ciclone al Sud, sole al Nord
Il meteo divide l'Italia in due


casa, immobiliare
motori
Nuovo Mercedes Citan, piccole dimensioni per un grande van

Nuovo Mercedes Citan, piccole dimensioni per un grande van

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.