A- A+
Economia
Popolari, via libera della Camera alla riforma. Ora tocca al Senato
La buvette della Camera alza i prezzi: su caffè e dolci

Disco verde in Aula alla Camera al dl banche, che coinvolge la governance delle Popolari, che passa ora al Senato. I si' sono stati 290 si', i no 149 e 7 gli astenuti.

Gli istituti di credito con attivi superiori a 8 miliardi di euro dovranno quindi diventare società per azioni e rinunciare al principio 'una testa, un voto'. La nuova governance punta a favorire le aggregazioni interne e a rendere più facile raccogliere capitali, in un contesto che vede la vigilanza unica europea imporre requisiti patrimoniali sempre più severi.
 
Le popolari contestano il decreto e accusano il governo di esporle a scalate ostili dall'estero. Le banche coinvolte sono Ubi, Banco Popolare, Popolare Milano, Popolare dell'Emilia Romagna, Popolare Vicenza, Veneto Banca, Popolare Etruria, Credito Valtellinese, Popolare di Sondrio e Popolare di Bari.

Tags:
popolaririforma popolaridl popolaribanche popolaripiazza affari
i più visti
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.