A- A+
Economia
Rai, conti in rosso: perdite per 35 milioni. Nel 2019 raddoppia indebitamento

Rai, Corte dei conti: "Prosegue tendenza negativa. Esercizio 2019 in perdita per 35 milioni di euro"

Conti in rosso per viale Mazzini: l'esercizio 2019 mostra un risultato in perdita per ben 35 milioni di euro, in peggioramento al risultato di -33,8 mln euro del 2018, negativo rispetto anche all’utile di 5,5 mln euro dell’esercizio precedente.

"La tendenza negativa, dunque, è proseguita, sia pure con minore intensità", evidenzia la Relazione sulla gestione 2019 della Società della Corte dei conti, secondo cui l’esercizio 2019 dell’intero gruppo Rai, costituito oggi, oltre che dalla capogruppo, da quattro società: Rai Way, Rai Cinema, Rai Com e Rai Pubblicità, presenta, invece, un risultato in pareggio, come l’anno precedente, mentre l’esercizio 2017 registrava un utile di 14,3 mln euro.


La magistratura contabile osserva, in particolare, che l’esercizio 2019 ha fatto registrare un aumento complessivo dei costi, di quasi 61 milioni di euro in valore assoluto (+2,4 %), a fronte, però, di un aumento percentualmente maggiore dei ricavi, di circa 79 mln e +3,3 in percentuale. In diminuzione, poi, il patrimonio netto di gruppo: 347,1 milioni di euro rispetto ai 389,4 mln di euro del 2018, pur a fronte di un risultato d’esercizio in pareggio, quale emerge dal conto economico consolidato.

Questo per effetto delle componenti di conto economico complessivo e della distribuzione dei dividendi della controllata Rai Way ai terzi. Infine, la Corte evidenzia la crescita dell’indebitamento del gruppo, che si attesta a fine 2019 a 541,3 milioni, dato quasi raddoppiato rispetto al 2018 che chiudeva a 286,5 milioni. 

"Persistono insoddisfacenti modalità di reclutamento delle risorse umane” alla Rai, afferma la Corte dei Conti, nella Relazione sulla gestione 2019 della società. La Corte valuta, tuttavia, con favore l’approvazione, nel marzo 2021, della "determina di aggiornamento dei criteri e modalità di reclutamento del personale e del conferimento degli incarichi di collaborazione, nonché la programmata mappatura delle competenze delle aree editoriali e di quello giornalistico, iniziative che - afferma la Corte - potranno contribuire ad una migliore selezione di professionalità effettivamente utili, con una più efficace gestione delle risorse umane da parte dell’Aazienda".


In conclusione, è stata confermata la necessità che la Rai metta in campo “ogni misura organizzativa, di processo e gestionale idonea ad eliminare inefficienze e sprechi”, considerata l’emersione di perdite di conto economico per il secondo anno consecutivo, al fine di assicurare un maggior contenimento dei costi, nell’ottica di un maggiore equilibrio economico e gestionale. I costi del personale del Gruppo Rai, pur a fronte di una diminuzione di 116 unità nel 2019, presentano un valore pari a 1.036 milioni di euro, in aumento di 29,8 milioni rispetto all’esercizio precedente, con un trend che risulta in continua crescita, visto che anche nel 2018 si era verificato un incremento di circa 23 milioni di euro rispetto al 2017.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    rai indebitamentorai perdite bilanciorai debiti bilancio
    i più visti
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Come sarà il weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due


    casa, immobiliare
    motori
    Auto Europa 2022, Qashqai è la vettura più votata dalla Giuria Popolare.

    Auto Europa 2022, Qashqai è la vettura più votata dalla Giuria Popolare.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.