A- A+
Economia
RCS

Dopo una prima giornata fiacca, l'asta sui diritti inoptati per l'aumento di cappitale di Rcs ha messo il turbo. La vendita si è chiusa infatti con tre giorni di anticipo.

Sono stati dunque collocati  tutti i 15 milioni di diritti per la sottoscrizione di azioni ordinarie, equivalenti a circa l'11% del capitale sociale del gruppo editoriale. Un pacchetto che sarebbe finito delle mani di un gruppo di soggetti esterno al patto e degli attuali azionisti. Sul mercato è circolata la notizia di un "grosso blocco" di diritti rilevati da un unico acquirente, che avrebbe raccolto la maggior parte dell'inoptato. Dalla lettura del libro degli ordini - visualizzato da alcune fonti qualificate - risulterebbe invece che siano quattro intermediari ad avere raccolto, in quattro ordini consistenti e di simile grandezza, buona parte dei diritti e che un'ulteriore piccola quota sia stata acquistata da una ventina di piccoli intermediari.

Gli intermediari che si sono mossi questa mattina - secondo quanto riferiscono fonti finanziarie - non sarebbero riconducibili ad alcuno degli attuali grandi soci del gruppo editoriale, ma principalmente a dei fondi. Con certezza si sa che né la Fiat, già salita al 20%, né Diego Della Valle hanno ulteriormente accresciuto le loro partecipazioni (il patron di Tod's, che ha in portafoglio l'8,8% di Rcs, ha fatto sapere che l'imprenditore "non ha mai avuto interesse" a rilevare l'inoptato).

Al momento non si esclude che un unico acquirente possa avere suddiviso il suo ordine tra diversi intermediari, prassi spesso utilizzata anche per mantenere l'anonimato; in ogni caso, se un solo acquirente avesse sottoscritto una quota superiore al 2% dovrebbe comunicarlo nei prossimi giorni alla Consob. Dietro la manovra, secondo alcuni rumors, ci sarebbe Urbano Cairo, editore dell'omonimo gruppo editoriale e de La7. 

Fuori dalla partita, secondo quanto trapela dai rispettivi entourage, alcuni possibili 'indiziati', come il fondo Investindustrial di Andrea Bonomi o l'ex a.d. di Capitalia, Matteo Arpe, attivo attraverso Sator. Tra le ipotesi che circolano, c'è anche quella che i diritti possano essere stati tolti dal mercato, cioè che siano stati comprati, ma non saranno esercitati. Un'ulteriore incognita è legata al destino della quota compresa tra il 6% e il 10% del capitale corrispondente ai diritti gia' sottoscritti ma di cui non risulta traccia nell'azionariato rilevante del gruppo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
rcsinoptatodirittidella vallefiat
i più visti
in evidenza
Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

Calciomercato

Barak, nuovo crack della serie A
Milan in pole. Ma la Juventus...


casa, immobiliare
motori
Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Mercedes Classe G e GLE: nel 2021 le più vendute del proprio segmento

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.