A- A+
Economia

 

giuseppe rotelli

twitter@andreadeugeni

Colpo di scena nell'aumento di capitale di Rcs Mediagroup. Contrariamente a quanto fatto filtrare nei giorni scorsi da ambienti a lui vicini, il primo socio del gruppo editoriale con oltre il 16% del capitale, Giuseppe Rotelli, ha comunicato al consiglio di amministrazione che non sottoscriverà per la sua parte l'aumento di capitale da 421 milioni, diluendosi e scendendo a poco più del 4% nell'azionariato. Una decisione che nel secondo giorno di negoziazione a Piazza Affari dei diritti d'opzione ha contribuito a deprimere il titolo Rcs, sospeso per eccesso di ribasso. Un segnale che non è piaciuto agli investitori, interpretato come sinonimo di sfiducia per le nuove strategie da parte del primo socio molto vicino al presidente di Intesa Giovanni Bazoli, che hanno fatto scattare le vendite.

Solo qualche settimana fa, infatti al termine della lunga assemblea del 30 maggio in cui il socio fuori Patto Diego Della Valle aveva espresso tutte le sue perplessità su piano industriale, il Ceo Pietro Scott Jovane, in una lettera di cui Affaritaliani.it ha preso visione e che pubblica in versione integrale, parlava ai dipendenti di "sostegno e appoggio dei soci allo sfidante percorso" intrapreso da Rcs.

RCS

A fine giornata, le azioni del gruppo editoriale, dopo esser passate anche in asta di volatilità,  cedono il 13,65% a 2,06 euro per azione. Congelati anche i diritti con un calo finale del 35%.  Il cda di Rcs - si legge nella nota diffusa da Via Rizzoli al termine della riunione del board - "ha preso atto della comunicazione inviata alla società da parte del socio Pandette in merito alla sottoscrizione dell'aumento di capitale, nella quale si specifica che il socio non intende esercitare i diritti di opzione per le azioni detenute da Pandette stessa, nonchè per quelle oggetto del contratto di opzione di acquisto e di vendita stipulato con Banco Popolare".

A Pandette, la finanziaria dell'imprenditore lombardo della sanità che ha già investito in Via Rizzoli  circa 390 milioni, fa capo il 13,03% di Rcs più un altro 3,634% intestato alla banca guidata da Pier Francesco Saviotti.

Varato nei giorni scorsi lo sconto del 30% da applicare al prezzo delle nuove azioni, il board aveva oggi all'ordine del giorno la valutazione delle offerte pervenute per le 10 testate del gruppo messe in vendita , fra cui A, Bravacasa, Max, l’Europeo e Novella 2000. Il Cda ha deciso di "procedere a stretto giro alla scelta dell'acquirente, dando mandato all'ad Pietro Scott Jovane di finalizzare l'operazione". In pole position c'è la Prs di Alfredo Bernardini De Pace che potrebbe aver avuto la meglio sull'offerta della Visibilia di Daniela Santanchè non ben vista da molti dipendenti. Se non verrà finalizzata la vendita, l'alternativa è la chiusura.

Infine, nell'ambito delle attivitàconnesse al piano al 2015, il Ceo ha fornito anche un aggiornamento sull'accordo siglato dal gruppo Rcs con la Poligrafici Editoriale, in base al quale la concessionaria pubblicitaria di Via Rizzoli "gestirà in esclusiva dal prossimo primo settembre la raccolta nazionale su stampa per i quotidiani del gruppo Monrif (Qn, Il Giorno, Il Resto del Carlino e La Nazione)" e per il giornale online  Linkiesta.
 

Tags:
rcsrotelliazionistiborsagiornali
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.