A- A+
Economia

 

rcs

twitter@andreadeugeni

La fuoriuscita di giornalisti al Corriere della Sera si ferma a quota 70 senza arrivare a 110 su 335, come invece inizialmente preventivato: Pietro Scott Jovane, amministratore delegato di Rcs, mette a segno un colpo importante nel piano di ristrutturazione del gruppo che edita il quotidiano di via Solferino e si prepara a concludere la riorganizzazione con la cessione di 10 testate per le quali l'azienda sta vagliando diverse offerte.

E' stato raggiunto infatti nella notte l'accordo tra Rcs Media Group e il comitato di redazione, l'organo sindacale del CorSera, sui tagli che avverranno nella forma dei prepensionamenti, accordo che soddisfa entrambe le parti, la Borsa (il titolo è in tonico rialzo) e che dovrà ora essere ratificato dall'assemblea dei giornalisti, convocata subito per oggi. 

Sono previste infatti 70 uscite volontarie, in maniera conforme alla legge sull'editoria, nei prossimi quattro anni: 37 nel primo biennio 2013-2015 e 33 nel biennio 2015-2017. Abbattimento del corpo redazionale (che scende quindi sotto quota 300) che avverrà a pari perimetro di portafoglio di riviste e che al termine dei quattro anni prevede anche la stabilizzazione nell'organico di 8 giovani e di una ventina di contratti a termine e di precari storici.

RCS

La riorganizzazione in Via Solferino si aggiunge a quella della Gazzetta dello Sport che vedrà la fuoriuscita di 20 giornalisti e del corpo dei grafici che scenderà di 270 unità. Una manovra che, per il CorSera, a regime porterà a un risparmio di 20 milioni di euro, con impatti significativi sul bilancio di Rcs già nel 2013.

Di questi, 8-12 milioni verranno recuperati intervenendo, si legge nel verbale dell'accordo, "in maniera drastica sul monte ferie arretrate, sulle collaborazioni" nonché su buoni libro e stage. Complessivamente, il piano di Rcs contiene l'obiettivo di 800 tagli nel gruppo fra Italia e Spagna.

 Diluire la manovra su quattro anni, invece che sul triennio del piano di Rcs, ha permesso di trovare la quadra tra le posizioni iniziali del Cdr del Corriere della Sera e quelle del gruppo editoriale. L'accordo prevede, nell'arco dei due stati di crisi biennali, anche la stabilizzazione

"Una volta terminato il primo stato di crisi, l'editore su richiesta della direzione provvederà a confermare i contratti a termine inseriti in pianta organica (al netto dei contratti a termine per sostituzione di personale assente) per la realizzazione delle iniziative di sviluppo digitale, del lancio de 'La Lettura’ e delle redazioni di Bergamo e di Brescia", si legge nel verbale. "Tornando ai prepensionamenti sono su base volontaria ma con riferimento in particolare alla prima tornata di uscite "nel caso in cui i risultati raggiunti fossero ancora insufficienti rispetto all'obiettivo fissato di 37 uscite le parti valuteranno (esclusivamente per la quota mancante dell'obiettivo) se ricorrere alla Cigs a rotazione o allo strumento della solidarietà estesa a tutti i giornalisti". Una volta definita nei dettagli (l'idea è di chiudere entro il Cda di Rcs del 28 aprile) pure la parte dell'intesa su smaltimento ferie, collaborazioni esterne e sugli istituti di secondo livello, l'accordo sarà oggetto di referendum tra i giornalisti del quotidiano.

 

 

Tags:
rcsscott jovanepiano

in evidenza
Ivana, la tifosa croata rischia l'arresto ai Mondiali in Qatar

Curve pericolose. Le foto

Ivana, la tifosa croata rischia l'arresto ai Mondiali in Qatar


motori
Nissan Italia lancia nel Metaverso lo showroom virtuale

Nissan Italia lancia nel Metaverso lo showroom virtuale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.