A- A+
Economia

 

 

corte costituzionale 500

Ennesimo schiaffo ai cittadini. A tirarlo è stavolta la Corte Costituzionale che ha cancellato con un colpo di spugna le sanzioni previste per le Regioni in default.

 

La sentenza in questione è la 219-2013 nella quale si prevede l'abrogazione di quanto disposto dal governo Monti  in materia di controlli e sanzioni alle Regioni fuori controllo dopo lo scandalo-Fiorito nel Lazio e le vicende simili esplose in tanti consigli regionali.

Cade così lo scioglimento dei Consigli, cade l’incandidabilità per 10 anni dei presidenti delle Regioni in default per dolo o colpa grave, cade persino l’obbligo di relazione di fine legislatura per fissare nero su bianco le responsabilità finanziarie di ogni governo regionale uscente.

Non solo: nelle Regioni a Statuto speciale cadono persino i nuovi controlli da parte degli ispettori della Ragioneria generale e le sanzioni per chi sfora il Patto di stabilità.

Lascindo da parte i dubbi sulla sentenza (c'è chi parla di un eccesso di potere da parte della Cosulta) la cosa che più colpisce il singolo cittadino è che ancora una volta i tagli, i controlli, le sanzioni annunciati contro la Casta vengono puntualmente annullati, ammorbiditi, svuotati. Come se, appena i riflettori si spostano su altro, lo Stato che con una mano è intervenuto per sanare le ingiustizie, con l'altra è pronto a disfare sapendo di farla franca.

Tags:
regionicorte costituzionalespending review
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.