A- A+
Economia
Renzi all'esame Merkel. Si porta gli ambasciatori dell'economia italiana

di Andrea Deugeni
twitter
@andreadeugeni

Si sono già incontrati due volte: nel 2013 quando era un astro nascente della politica italiana ed era ansioso di bruciare le tappe (un sindaco che incontra la donna più potente del mondo dopo Janet Yellen della Federal Reserve) e poche settimane fa a Bruxelles in occasione del vertice sull'Ucraina. Per il terzo incontro con la Cancelliera Angela Merkel, il presidente del Consiglio Matteo Renzi si farà accompagnare dai panzer dell'economia italiana.

Oltre al presidente della Confindustria Giorgio Squinzi, in una tavola rotonda in cui si incontreranno con i manager colleghi dei rispettivi competitors di settore, con Renzi ci saranno il group Ceo delle Assicurazioni Generali Mario Greco, che le società di head hunting vogliono alle Poste, assicuratore che gode della grande stima dell'ex sindaco di Firenze, l'amministratore delegato dell'Enel Fulvio Conti e il presidente del gruppo farmaceutico Menarini con sede a Firenze Alberto Aleotti.  

Di fronte avranno il presidente dell'Allianz Michael Diekmann, l'amministratore delegato di EOn Johannes Teyssen e quello del colosso farmaceutico tedesco Merck Karl-Ludwig Kley.

L'Italia porterà a casa il risultato se otterrà il via libera della Germania affinché il nostro rapporto Deficit/pil possa avvicinarsi alla fatidica soglia del 3% (dal 2,6% al 2,8%), senza superarla, come ha garantito lo stesso premier. Un margine che consentirebbe però al governo di trovare risorse preziose da destinare alle coperture per il pacchetto di misure economiche illustrate nel Cdm di mercoledì scorso. La decisione definitiva sul Deficit/Pil spetterà poi al Parlamento europeo e alla Commissione, ma con il placet della Cancelliera tedesca la strada da percorrere sarebbe più facile.

squadra renzi PolettiLavoro e politiche sociali: Giuliano PolettiGuarda la gallery dei ministri che saranno a Berlino con Renzi

Il vertice tra Renzi e Merkel anticiperà quello tra i capi di Stato e di governo dell'Ue in programma il 20 e il 21 a Bruxelles. Al momento a Renzi basta ottenere la flessibilità che a suo tempo era stata concessa a Mario Monti e poi a Enrico Letta, quando nel 2013 era stato ottenuto il rialzo del deficit, sempre però, per pagare i debiti alla Pubblica Amministrazione.

Lo scoglio dell'incontro con Merkel sarà quello di illustrare e convincere la Cancelliera dell'utilità e della fattibilità del piano di riforme italiano che ha l'obiettivo di rimettere in moto la crescita. Piano che dovrà essere presentato in Europa, per l'approvazione, entro il 15 aprile.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzimerkelsquinzigeneralienelmenarini
i più visti
in evidenza
Barak, nuovo crack della serie A Milan in pole. Ma la Juventus...

Calciomercato

Barak, nuovo crack della serie A
Milan in pole. Ma la Juventus...


casa, immobiliare
motori
Renault: continua a crescere, record nell'elettrico

Renault: continua a crescere, record nell'elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.