A- A+
Economia
Renzi: tfr in busta paga da gennaio. Rete Imprese: "Sarebbe il colpo di grazia"

"Tfr inserito dal primo gennaio 2015 nelle buste paghe, a condizione che ci sia un protocollo tra Abi, Confindustria e governo per consentire alle imprese di avere quella liquidita'". Lo ha detto Matteo Renzi alla direzione del Pd.

"In questa fase di perduranti difficolta' per il nostro sistema produttivo, e' impensabile che le piccole imprese possano sostenere ulteriori sforzi finanziari, come quello di anticipare mensilmente parte del Tfr ai dipendenti. Dopo aver subito, soltanto nell'ultimo anno, una contrazione del credito erogato dal sistema bancario del 5,2%, pari a oltre 8 miliardi di euro, ora alle piccole imprese verrebbe chiesto di erogare diversi miliardi in anticipazione del Tfr. Siamo di fronte alla 'misura perfetta', se si vuol dare una mano a far chiudere decine di migliaia di piccole imprese che stanno resistendo stremate da 6 anni di crisi e difendono in tal modo migliaia di posti di lavoro". Giorgio Merletti, presidente di Rete Imprese Italia e di Confartigianato, esprime forti preoccupazioni sull'ipotesi avanzata dal Governo di inserire nella Legge di stabilita' una misura finalizzata ad anticipare il 50% del versamento del Tfr ai lavoratori del settore privato. Secondo il Presidente Merletti "per i lavoratori il Tfr e' salario differito, per le imprese un debito a lunga scadenza. Non si possono chiamare le imprese ad indebitarsi per sostenere i consumi dei propri dipendenti". "Va sottolineato infine - conclude Merletti - che il trasferimento di tutto il Tfr, o di una parte di esso, nelle buste paga significa azzerare la possibilita', per moltissimi lavoratori, di costruire una previdenza integrativa dignitosa".
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzitfrrete imprese
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

Per Nissan l'Europa sarà il primo continente per quota percentuale di vendite

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.