A- A+
Economia
Sosteniamo l’infanzia, il nostro futuro

Dal concetto di centralità del cliente, intorno al quale Banca Mediolanum ha costruito la propria storia, al concetto di centralità della persona, perché ciascun individuo prima di essere cliente è bambino, donna o uomo con i propri bisogni, realtà ed esigenze.

E’ questo il motore che ha spinto più volte Banca Mediolanum oltre al confine di banca tradizionale per offrire un aiuto concreto ai propri clienti in situazioni di difficoltà e bisogno, siano esse momenti di tensione finanziaria oppure disagi dovuti alle calamità naturali.

In Fondazione Mediolanum, il “braccio sociale” del Gruppo nato nel 2002 e diventato Onlus nel 2012, lo stesso concetto di “centralità della persona” si è ulteriormente esteso alle fasce meno protette della società. In particolare, dal 2005, si è rivolto esclusivamente all’infanzia che vive in condizioni di disagio in Italia e nel Mondo; un indirizzo fortemente voluto dal Presidente Esecutivo della Fondazione stessa, Sara Doris, molto sensibile al tema in quanto madre di 5 bambini.

E’ questo lo spirito grazie al quale sono nati progetti come “Piccolo Fratello”, sviluppato in collaborazione con Amani Ong in Kenya e in seguito “esportato” ad Haiti per sostenere la Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus. Tante le iniziative di raccolta fondi portate avanti in questi anni, ultima la campagna di raccolta fondi tramite Sms solidale in vigore proprio in questi giorni: fino al 20 ottobre è possibile infatti donare un contributo pari a 2 o 5 Euro a favore del progetto “Una casa piena di amore” inviando un sms o telefonando al 45599.  Si tratta di un progetto in collaborazione con “SOS Villaggi dei bambini” per fornire un sostegno psicologico e medico ai bambini ospiti nelle case d'accoglienza.

Ma accanto all’attività di finanziamento dei progetti, Fondazione Mediolanum Onlus si preoccupa di verificare che le iniziative appoggiate non restino solo su carta ma vengano realizzate. Questo per un senso di responsabilità che la Onlus di Banca Mediolanum avverte sia nei confronti dei donatori che nel tempo le hanno accordato fiducia, sia del Gruppo Mediolanum stesso, che sin dall’inizio le fornisce mezzi e contributi attraverso donazioni e iniziative studiate ad hoc.  Ricordiamo ad esempio che uno dei canali con cui è stato finanziato il progetto ad Haiti è stato il conto corrente Freedom: senza alcun costo per il cliente, per ogni conto corrente Freedom aperto, Banca Mediolanum ha versato il corrispettivo della spesa di un mese di scuola per un bambino di Haiti; allo stesso modo la banca ha dato ai propri clienti  la possibilità di devolvere i punti accumulati attraverso il programma di fidelizzazione Mediolanum Freedom Rewarding ai progetti sostenuti dalla Fondazione.

Ed è proprio anche grazie all’aiuto concreto fornito dalla Banca che le attività intraprese da Fondazione Mediolanum Onlus sono sempre più numerose: dal 2005 al 2013 l’Ente ha erogato circa 7 milioni di euro a favore di 184 progetti in Italia e in altri 28 Paesi nel mondo. Solamente nel 2013 sono stati  finanziati 28 progetti per un totale di 758.931 Euro (+77% rispetto all’anno precedente). "Un’attività in continua crescita che mantiene un obiettivo ben preciso, ispirato ai principi universali dell’uomo, primo tra tutti la libertà, perché come ricorda la stessa Sara Doris,  “i bambini di oggi, se sostenuti correttamente, saranno gli adulti liberi di domani”, ma anche il rispetto, la solidarietà e il progresso. Gli stessi valori sui quali Banca Mediolanum ha fondato la propria storia e il proprio successo.

 

Messaggio promozionale con finalità di utilità sociale

Tags:
infanziafuturodonaremediolanumbambini
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.