A- A+
Economia

La Spagna sta ritrovando competitività. A differenza dell'Italia, grazie al basso costo del lavoro e alla maggiore flessibilità introdotta dal governo di Mariano Rajoy. A trainare il Pil è l'export, cresciuto in agosto del 3,6% rispetto allo stesso mese del 2012. Le vendite dei prodotti spagnoli aumentate nel complesso dell'8% nel primo semestre, hanno fatto registrare balzi notevoli nei mercati emergenti: in Cina (13%) Brasile (40%) e Sudafrica (62,4%). Anche i dati sugli investimenti diretti dall'estero, negli ultimi quattro anni 105 miliardi di euro, sono la prova di una inversione di tendenza. Nell'automotive, Ford, Renault, Peugeot-Citroën e Nissan hanno potenziato la loro produzione nel Paese facendo della Spagna il secondo produttore di auto in Europa.

Nel luglio del 2012, quando Madrid chiese aiuto all'Europa, i rendimenti dei titoli pubblici decennali spagnoli erano arrivati al 7,6%, ben oltre la soglia del default, già sperimentata da Grecia, Irlanda e Portogallo. Dopo un anno e mezzo, i rendimenti dei bonos sono scesi ai livelli pre-crisi del 4% e Madrid può così permettersi di annunciare l'uscita dal programma di sostegno di Bruxelles. La differenza è tutta qui, nella fiducia degli investitori. Il salvataggio europeo e Le mosse della Bce di Mario Draghi hanno ribaltato la situazione.

Il Paese, che ha sempre continuato a finanziarsi sul mercato, ha ripreso coraggio e non intende più subire il commissariamento di fatto dell'Unione europea. I 41 miliardi di euro ricevuti dall'Esm sono serviti a ricapitalizzare le disastrate banche iberiche ma molto resta da fare. Solo il tempo potrà dire se la decisione di Madrid di camminare da sola senza gli aiuti di Bruxelles, che aveva messo a disposizione fino a 100 miliardi,  sarà stata un'azzardo. Ecco cinque motivi sui quali il governo di Madrid punta per il rilancio.

"La situazione complessiva del sistema bancario spagnolo è nettamente migliorata", hanno scritto i ministri al termine dell'Eurogruppo. Per Luis De Guindos, ministro delle Finanze spagnolo, "tutti gli indicatori sul sistema bancario spagnolo vanno nella direzione corretta". Il risanamento operato, prima attraverso il fondo speciale Frob e poi con la bad bank Sareb, è stato avviato. È tuttavia è ormai certo che il governo dovrà iniettare altri capitali negli istituti nazionalizzati se vorrà trovare qualcuno disposto a comprarli. Non mancano le offerte per Ncg Banco e per Catalunya Banc ma i bilanci devono essere ripuliti. Mentre le stime degli operatori dicono che i prezzi delle case, già scesi di un terzo rispetto al 2007, potrebbero crollare di un altro 15 per cento.

Dopo nove trimestri di contrazione il Pil spagnolo è tornato a crescere tra luglio e settembre. Un timido +0,1% sul trimestre precedente che può significare la svolta. La rinuncia al programma di aiuti di Bruxelles potrebbe servire ad attenuare le misure di austerity ma Madrid ha i conti pubblici fuori dai parametri, con il deficit al 6,8% e il debito in forte aumento al 95 per cento.

Nonostante i molti tentennamenti, il governo di Rajoy ha sempre avuto le spalle coperte. È in carica dalla fine del 2011 e può contare su un'ampia e compatta maggioranza in Parlamento. La legislatura terminerà nel 2015 e non c'è niente che possa oggi far pensare a un voto anticipato: un notevole vantaggio riconosciuto dalla fiducia degli investitori.

Il tasso di disoccupazione è al 26%. In Spagna la crisi finanziaria ed economica è diventata un dramma sociale. Ma questi livelli di disoccupazione hanno contribuito a far scendere il costo del lavoro. Restano invece da valutare gli effetti delle riforme per dare maggiore flessibilità al mercato del lavoro

Tags:
spagnaitalia

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.