A- A+
Economia
Spending review, Inail mette a dieta la Pa. Rumors

Inail va in soccorso della Pa per mettere a dieta lo Stato. L'ente contro gli infortuni sul lavoro avrebbe infatti messo sul piatto, dicono i rumors, 600 milioni di euro per comprare locali che i privati affittano allo Pa. In questo modo, si ridurrebbero notevolmente i canoni, che rimarrebbero nel perimetro pubblico. Secondo MF-Milano Finanza, infatti, molti contratti sarebbero in scadenza e l'opzione prevede che lo Stato possa acquistarli, appunto tramite Inail.

Per facilitare l'operazione l'ultimo decreto Fiscale ha inserito una norma che mette a prezzo di mercato gli immobili, al fine di aumentare il ritorno di Inail e da incentivare operazioni di quseto tipo.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    inailspending reviewpa
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    "Siamo fatti così" Conte studia da medico

    Coronavirus vissuto con ironia

    "Siamo fatti così"
    Conte studia da medico


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen e-Bully, l’icona degli anni 60 diventa elettrico

    Volkswagen e-Bully, l’icona degli anni 60 diventa elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.