A- A+
Economia
Stellantis, via al taglio dei costi in Italia. Confermato lo scoop di Affari

Carlos Tavares, l'amministratore delegato di Stellantis, il colosso nato dalla fusione di FCA e Peugeot, ha dichiarato che le fabbriche italiane, rispetto a quelle di altri Paesi, hanno costi troppo alti. TalI dichiarazioni hanno destato la preoccupazione di Confintesa Metalmeccanici, il cui segretario generale, Giustino D'Uva, ha commentato così: "Non ci sorprende quanto detto da Tavares, perché sapevamo che la svendita di FCA ai francesi avrebbe comportato grossi problemi alla produzione nazionale. Però siamo molto preoccupati, poiché prelude ad un piano di smantellamento degli stabilimenti italiani. Perlopiù crediamo che siano a rischio le fabbriche di Cassino, in provincia di Frosinone, e di Melfi, in Basilicata; e se finora la cassa integrazione ha tamponato il problema, la fine del blocco dei licenziamenti potrebbe fare deflagrare la situazione.In ogni caso - conclude D'Uva - daremo battaglia per evitare che si consumi l'ennesimo scempio ai danni dei lavoratori italiani".

Confermato lo scoop di Affaritaliani, che il 25 marzo anticipava la notizia con il rumors che riproponiamo qui sotto.

Il rumor circola con insistenza da giorni nello stabilimento di Melfi, uno dei fiori all'occhiello del gruppo Stellantis in Italia e che ieri ha tenuto le assemblee delle tute blu della Fiom, metalmeccanici per cui è stata prolungata la cassa integrazione fino a maggio. Melfi è il sito dove il quarto gruppo automobilistico mondiale assembla il Suv compatto 500 X, la Jeep Compass e la Jeep Renegade, modelli destinate al mercato europeo e nordamericano.

Tavares
 

Secondo quanto riferiscono alcune fonti sindacali ad Affaritaliani.it, la spending review, che Stellantis sta portando avanti in Italia per fronteggiare il momento di grande difficoltà del mercato delle quattroruote e che per il momento ha generato un taglio del 10% delle spese dei servizi di pulizia e di mensa (anche per fronteggiare la minor presenza dei lavoratori negli stabilimenti), potrebbe estendersi alla chiusura di una delle due linee produttive in Basilicata.

Il modello interessato sarebbe quello della Jeep Renegade, produzione che non è chiaro se verrà soppressa del tutto o spostata fuori dai confini nazionali in altri stabilimenti del gruppo Stellantis.

LP 9884589
 

Oltre a cercare di avere qualche elemento in più dall'azienda sul futuro piano industriale che l'amministratore delegato Carlos Tavares presenterà alla fine di quest'anno, il tema dei risparmi di spesa e del taglio produttivo a Melfi di uno dei modelli di punta del gruppo sarà sul tavolo dell'incontro in presenza a Torino fra l'azienda e i sindacati.

Dopo la richiesta del 5 marzo da parte della Fiom di un incontro alla direzione di Stellantis, il gruppo ha risposto oggi fissando infatti per il 15 aprile il primo faccia a faccia ufficiale, dopo il primo giro di visite di cortesia da parte di Tavares, in cui comunque il Ceo ha messo subito nel mirino "gli alti costi industriali" negli stabilimenti italiani. Dove per ora si ricorre, in quasi tutti, agli amortizzatori sociali. 

@andreadeugeni

 

Commenti
    Tags:
    stellantisjeep renegademelfi stellantisjeep compass500 xcarlos tavares
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Un bel cappio per il collo Ecco i primi aiuti dello stato

    Covid vissuto con ironia

    Un bel cappio per il collo
    Ecco i primi aiuti dello stato


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda Kodiaq, arriva il restyling

    Skoda Kodiaq, arriva il restyling

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.