A- A+
Economia

L'Italia arranca ma il Sud va anche peggio ed e' sempre piu' povero, 'vecchio' e spopolato. E' la fotografia 'scattata' dalle anticipazioni del Rapporto Svimez 2013 sull'economia del Mezzogiorno. Nel 2013 a fronte di un Pil nazionale che si contrarra' dell'1,9%, il Mezzogiorno registrera' un crollo del prodotto pari al 2,5% contro il -1,7% del Centro-Nord.

Il lieve recupero che l'economia nazionale segnera' nel 2014 (+0,7%) risultera' quasi nullo al Sud (+0,1%) rispetto al +0,9% del Centro-Nord. Il rapporto descrive una terra a rischio desertificazione industriale, dove crollano consumi e investimenti, risale la disoccupazione ufficiale, e dove in cinque anni (dal 2007 al 2012) le famiglie povere sono aumentate del 30%, pari a 350mila nuclei. Un'area da cui entro il 2065 spariranno due milioni di under 44, tra denatalita', mancanza di lavoro e nuove emigrazioni.

Nel 2012 la caduta del Pil nel Mezzogiorno e' stata del 3,2%, un calo superiore di oltre un punto a quello rilevato nel resto del Paese (-2,1%). Negli ultimi quattro anni, dal 2008 al 2012 il Mezzogiorno ha perso oltre il 10% di Pil, quasi il doppio del Centro-Nord (-5,8%). A livello regionale, segno negativo per tutte le regioni italiane. Dinamica negativa piu' contenuta nel Lazio e in Lombardia (-1,7%) e in Trentino Alto Adige e Toscana (-1,9%). Ma anche le regioni del Centro-Nord, invertendo la modesta ripresa del 2012, sono tornate a segnare cali significativi come l'Emilia Romagna (-2,3%), il Veneto (-2,4%), il Piemonte e le Marche (-2,8%), fino alla Valle d'Aosta (-3,8%). Nel Mezzogiorno la forbice resta compresa tra -2,1% di Molise e Campania e -4,3% della Sicilia, fanalino di coda nazionale. In posizione intermedia Calabria (-2,9%), Puglia (-3%), Sardegna (-33,5%), Abruzzo (-3,6%) e Basilicata (-4,2%). In termini di Pil pro capite, il Mezzogiorno nel 2012 e' sceso al 57,4% del valore del Centro Nord, con un Pil pro capite pari a 17.263 euro, in calo rispetto ai 17.495 euro del 2011.I consumi delle famiglie meridionali sono stati duramente colpiti, arrivando a ridursi nel 2012 del 4,8%, a fronte del -3,8% delle regioni del Centro-Nord.

Dal 2008 al 2012 la caduta cumulata dei consumi delle famiglie ha superato nel Mezzogiorno i nove punti percentuali (-9,3) risultando di oltre due volte e mezzo maggiore di quella registrata nel resto del Paese (-3,5%). Secondo la Svimez, un terzo delle famiglie meridionali e' a rischio poverta'. In Italia un milione e 725 mila famiglie si trovavano nel 2012 al di sotto della soglia di poverta' assoluta, con un aumento di 750 mila unita' rispetto al 2007; nel Centro-Nord erano assolutamente povere circa 930 mila famiglie, a fronte di circa 790 mila famiglie del Mezzogiorno. Guardando al reddito, il 14,1% delle famiglie meridionali e il 5,1% di quelle del Centro-Nord ha meno di mille euro al mese (12.000 euro annui).

In particolare, hanno entrate inferiori a mille euro al mese il 12,8% delle famiglie calabresi; il 14,9% di quelle campane, il 16,7% di quelle lucane e il 19,7% delle siciliane. Al contrario, le famiglie che hanno piu' di 3 mila euro mensili (oltre 36.000 euro annui) sono circa il 44% nel Centro-Nord e solo il 24,1% nel Mezzogiorno. Il rapporto mette in guardia sul rischio di spopolamento. Dal 2012 al 2065 la Svimez prevede un calo di 4,2 milioni di persone nel Sud, a fronte di un aumento di 4,5 nel Centro-Nord. In dieci anni, dal 2001 al 2011 sono migrate dal Mezzogiorno verso il Centro-Nord 1,313 milioni di persone, di cui 172 mila laureati. Nel 2000 i laureati meridionali migranti erano il 10,7% del totale di quanti si trasferivano al Centro-Nord, dieci anni dopo, nel 2011, sono piu' che raddoppiati, salendo al 25%. In piu', nel periodo in esame, sono emigrati all'estero 180 mila meridionali, di cui 20 mila laureati. In risalita anche i pendolari di lungo raggio, che lavorano al Centro-Nord pur mantenendo la residenza al Sud.

Tags:
svimezcrisisudpil
i più visti
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.