A- A+
Economia
SwissLeaks, "i 60 clienti d'oro con un potere enorme". Spuntano altri italiani eccellenti

Sono circa 250 i nominativi torinesi presenti nella cosiddetta 'lista Falciani, l'elenco sottratto e reso pubblico dall'ex informatico della banca svizzera Hsbc, sui quali la Procura di Torino continua a indagare. Il reato contestato è quello di riciclaggio, ma ad oggi nessuna persona risulta iscritta nel registro degli indagati. La Procura di Torino ha aperto il fascicolo nel 2010, dopo aver ricevuto dalla Procura di Nizza una copia dell'elenco sequestrato a Falciani, che contiene un totale di circa 100 mila clienti residenti in piu' di 200 Paesi del mondo, che hanno depositato denaro nelle casse dell'istituto creditizio svizzero per una cifra vicina ai 100 miliardi di dollari. Gli italiani coinvolti sarebbero piu' di 7 mila e fra questi figurano decine di personaggi famosi.

evasori
 

I CLIENTI D'ORO - Ma ci sono una sessantina di clienti d'oro. "La Hsbc di Ginevra realizzava il suo vero guadagno grazie a una sessantina di clienti - imprese, imprenditori, fondi d'investimento - che avevano un potere enorme: in cambio di soldi che lasciavano in gestione potevano ottenere tutto ciò che volevano". A parlare è Hervé Falciani, la gola profonda ed ex dipendente della banca che ha scritto un libro in cui racconta tutti i segreti e svela documenti inediti. 'La cassaforte degli evasori' (pp 224, euro 13,90), scritto con l'inviato e caporedattore del Sole 24 Ore Angelo Mincuzzi, esce in prima edizione mondiale per Chiarelettere, il 18 febbraio. Il Corriere anticipa alcune parti che stanno facendo tremare i salotti buoni di tutta Europa.

I CLIENTI ITALIANI - "Il potere della banca è legato ai suoi più importanti clienti e al controllo che può esercitare grazie a queste enormi fortune e all’intreccio di interessi di clienti, manager e politici". Per Falciani, i cittadini italiani sono "diecimila", e, secondo quanto hanno potuto vedere gli investigatori italiani, ci sarebbero anche clienti «vicini a politici di centrodestra e al Vaticano, tra cui un banchiere". Oltre ai vari personaggi del jet set , i cui nomi sono stati pubblicati domenica scorsa da Le Monde e dalle altre testate internazionali. E poi "mafiosi", interessavano molto agli investigatori italiani, "e li hanno trovati". Il «valore» dei clienti italiani sarebbe pari a 8 miliardi di euro.

Falciani nel libro fa i nomi di due persone, eminenti esponenti di due Paesi del "fronte Sud" della Ue: Spagna e Grecia. "L’uomo più ricco della Spagna, Emilio Botin del Banco Santander (di cui e stato proprietario fino alla morte, avvenuta il 10 settembre 2014), era uno dei clienti della Hsbc di Ginevra". Poi aggiunge un altro cognome e un altro conto importante, quello della madre dell’ex primo ministro greco George Papandreou, che "aveva un conto di 500 milioni di euro". Il fatto è che la lista degli "uomini d’oro" della Hsbc - in possesso di alcuni Paesi già da alcuni anni - sarebbe stata usata, secondo l’ex impiegato Falciani, per imporre politiche di austerity ad altri Paesi. Questo, secondo lui, almeno il caso della Grecia. Falciani ricorda Papandreou e parla di "pressione e di ricatto". "Nel 2011 la guida delle negoziazioni con la Troika sul salvataggio della Grecia fu affidata a Sarkozy (l’ex presidente francese, ndr), che aveva quella lista e, conoscendone i nomi, poteva fare pressione su Papandreou", scrive Falciani.

IL DOCUMENTO INEDITO - Il libro (edito da Chiarelettere) si chiude con la pubblicazione di un documento importante: l’accordo standard che l’Hsbc firmava con gli intermediari che presentavano nuovi clienti, cui veniva riconosciuto il 25% delle commissioni.

ECCO COME NASCONDEVANO L'IDENDITA' DEI CLIENTI - Secondo la ricostruzione di Le Monde, il Corriere spiega così come funziona: poniamo che il signor Mario Rosso abbia a disposizione almeno un milione di euro, la soglia di ingresso per farsi seguire da Hsbc Private Bank. Fa visita alla banca a Ginevra, o incontra un suo emissario in un grande albergo. Al signor Rosso viene attribuita un’identità numerica, associata a uno o più conti che serviranno per custodire il suo denaro. Il cliente smette di essere indicato come Rosso e diventa per esempio «67832 KJ». È «67832 KJ» a detenere i conti con il denaro. La banca propone poi a «67832 KJ» di aprire, a Panama o alla Isole Vergini britanniche, una società fittizia che chiameremo per esempio «Offshore Limited», alla quale vengono attribuiti i conti. Il signor Rosso agisce come mandatario della «Offshore Limited», e a questo titolo può disporre dei soldi della società (che sono i suoi), facendo operazioni negli uffici della banca a Ginevra, senza lasciare tracce.

PODEMOS SCEGLIE FALCIANI COME CONSULENTE ANTI-EVASIONE - Il movimento degli indignados, nato dalla piazza di Puerta del Sol e attualmente primo partito di Spagna in corsa per conquistare il governo alle elezioni di novembre, ha arruolato nella sua squadra Hervé Falciani, la gola profonda dello scandalo Hbsc. Il suo compito sarebbe quello di stilare una relazione su una possibile riforma legislativa anti elusione fiscale da inserire nelle proposte del partito per la campagna elettorale d'autunno. E, dice eldiario.es, non è esclusa una sua candidatura.

 

 

Tags:
swissleaksfalcioninomiidentitàcontihsbc
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.