A- A+
Economia

Nuova tassa a maggio: la Tares, la nuova tassa sui rifiuti che accorpa anche la vecchia tia, la tariffa di igiene ambientale, si dovrà iniziare a pagarla dal prossimo mese di maggio. E da dicembre scatterà l'aumento della tassa: 30 centesimi in più a metro quadro. Lo ha riferito il presidente dell'Anci, Graziano Delrio precisando che la maggiorazione di 0,30 euro in più a dicembre "andrà direttamente allo Stato".

Con l'accordo sottoscritto oggi con il governo "eviteremo il deficit di liquidità - ha spiegato Delrio - che avrebbe creato grossi problemi alle imprese del trattamento rifiuti". Le scadenze per il pagamento della Tares dovrebbero tenersi a maggio, settembre e dicembre.

"Il rinvio della Tares era indispensabile sia per i cittadini che per i comuni", ha commentato il sindaco di Roma Gianni Alemanno lasciando palazzo Chigi dopo l'incontro della delegazione Anci con il governo. Alemanno ha spiegato che la Tares "era una tassa, non solo più pesante, ma che doveva essere riscossa in estate lasciando, nel frattempo, i comuni senza risorse per affrontare la raccolta rifiuti".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
taresdicembre
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.