A- A+
Economia
Tasse, nessuna imposta sui versamenti in banca superiori a 200 euro

Il Cdm di venerdì darà via libera a una serie di misure sulla tracciabilità dei pagamenti che saranno contenute nel decreto sulla fatturazione elettronica. Ma il governo non prevede però l'introduzione di alcuna una tassa sull'uso di denaro contante. È quanto affermano fonti del ministero dell'Economia che smentiscono la notizia apparsa su alcuni giornali stanattina dove si anticipava che l'esecutivo stesse puntando ad introdurre un'imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri superiori ai 200 euro.

Misura, questa, che sarebbe stata molto gradita alle banche visto che farebbe aumentare i profitti sulle operazioni di accredito elettronico e allo stesso diminuire i costi di gestione del contante. L'obiettivo sarebbe stato quello di favorire i pagamenti elettronici. E il primo passo per rendere obbligatorio dal 2017 per commercianti, artigiani e professionisti la memorizzazione e la trasmissione telematica al fisco di tutti i corrispettivi giornalieri per dire addio allo scontrino di carta.

Tags:
tassefiscoimpostaprelieviversamentibanchegoverno

i più visti

casa, immobiliare
motori
Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.