A- A+
Economia
Tim, il piano di Elliott per una public company

Fare di Tim una public company, in puro stile americano. Il giorno dopo il blitz di Elliott, il fondo Usa di Paul Singer, nella società tlc con un rastrellamento del 6% del capitale, emergono i primi dettagli sulla strategia di Elliott per Tim. Sbagliato lasciare troppo campo libero a Vivendi, attuale azionista di riferimento con una quota del 24%. Molto meglio una società ad azionariato diffuso, che possa evitare a Tim pericolosi contenziosi e conflitti di interesse, come quello in corso con Mediaset.

Nei piani di Elliot dunque c'è per prima cosa la volontà di intervenire sul board, con un ricambio dei consiglieri. La sfida si sposta in assemblea dove, ricorda il CorSera, fondi italiani ed esteri detengono il 60% del capitale. Per questo la mossa successiva sarà raccogliere le deleghe di quegli azionisti che mal sopportano Vivendi.

Commenti
    Tags:
    timvivendi
    S
    i più visti
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa


    casa, immobiliare
    motori
    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

    DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.