A- A+
Economia
Tim, Labriola: "Kkr? Le scelte dei soci si discutono tra i soci"

Il nuovo direttore generale di Tim non prende posizione sull'offerta di Kkr 

Il nuovo direttore generale di Tim Pietro Labriola non prende posizione sull'offerta di Kkr per Tim. "Ogni scelta fatta dagli azionisti deve essere discussa tra gli azionisti", ha detto Labriola, secondo quanto riporta Bloomberg, che evidenzia come il manager abbia evitato commenti sulla proposta del fondo americano per Tim.

A Piazza Affari continua il sali e scendi del titolo Tim

Mentre parte l’analisi della offerta di Kkr dopo la nomina degli advisor Goldman Sachs, LionTree (finanziari) e lo Studio Gatti, Pavesi, Bianchi e Ludovici (legale), Labriola ha ridisegnato la prima linea manageriale di Tim. Stefano Siragusa, uno dei top-manager il cui nome era circolato assieme a quello del capo di Tim Brasil per andare a raccogliere l’eredità di Luigi Gubitosi alla guida del gruppo, è stato promosso vice di Labriola, con responsabilità della funzione network, operations e wholesale. Lasciano invece il direttore strategie e sviluppo business Carlo Nardello e il responsabile della rete Nicola Grassi, entrambi entrati nel gruppo sotto la gestione Gubitosi.

La direzione revenue, che era affidata a Siragusa, viene divisa in due: l’area business va a Massimo Mancini, mentre l’area consumer passa ad interim a Labriola. La funzione brand strategy&commercial communication è stata affidata ad interim a Sandro Aitala, mentre lo staff del dg affidato a Stefano Roscini. Infine la funzione chief strategy&business development officer va ad interim a Claudio Ongaro. Intanto, in borsa il titolo continua a viaggiare sull’ottovolante, dopo la chiusura in rosso di ieri all’insegna dell’incertezza, Tim oggi rimbalza con un guadagno a fine seduta di oltre l’1,3% a 0,4573 centesimi, circa 5 centesimi sotto il valore d’Opa messo sul tavolo dagli americani di Kkr.

Il responso sull’offerta potrebbe arrivare all’ultimo consiglio di amministrazione dell’anno fissato in agenda il 17 dicembre. I riflettori sono puntati sulle scelte di Vivendi e Cdp che potrebbero valutare lo scorporo della rete (da fondere poi eventualmente con Open Fiber). Alcuni operatori peraltro sono scettici sul fatto che a 0,505 i francesi o la Cassa (per motivi diversi) possano consegnare le azioni. Altro tema all'ordine del giorno potrebbe essere il caso Dazn. Secondo quanto ha riportato il Sole 24Ore, in Tim si sta lavorando a gran ritmo a una ridefinizione degli accordi con il partner sui contenuti sportivi nello streaming perchè la proposta dovrebbe, almeno nelle intenzioni, essere pronta in vista del prossimo Cda del 17 dicembre.

Si va stringendo il cerchio attorno alla proposta definitiva che poi sarà al centro delle trattative fra la compagnia telefonica e la piattaforma cui la Lega Serie A ha assegnato i diritti audiovisivi per la Serie A relativi al triennio 2021-24. Un'assegnazione per 840 milioni di euro. Alla dote però partecipa anche la stessa Telecom a valle di un accordo di partnership che l'ex monopolista delle Tlc ha deciso tuttavia di rivedere. I risultati non sono quelli sperati e il minimo garantito da 340 milioni a stagione (che in realtà sono comunque anche qualcosa in più di questa cifra) è stato giudicato da rivedere nelle ultime settimane, nella parte finale della consiliatura guidata dall'ex Ceo Gubitosi.

Il Comitato Controllo e Rischi di Tim che si è riunito ieri ha ascoltato nuovamente la situazione e gli scenari in campo che essenzialmente si riducono a due: un'intesa fra le parti o uno scontro a carte bollate. Nel primo caso, la possibile pietra sopra - almeno nella proposta in preparazione in casa Tim - passerebbe attraverso uno sconto sul minimo garantito fra i 60 e gli 80 milioni di euro a stagione a partire da ora. Una cifra sulla quale in casa dell'ex monopolista si starebbe ragionando considerandola come valida contropartita per alcune questioni che avrebbero impattato sui numeri complessivi di un'operazione che non avrebbe dato i risultati sperati. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cdp timopa kkrpietro labriola timsalvatore rossi timstefano siragusatimtim daznvivendi tim
    i più visti
    in evidenza
    Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

    Scatti d'Affari

    Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa


    casa, immobiliare
    motori
    Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

    Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.