A- A+
Economia
Toyota richiama in fabbrica 6 milioni di Yaris e Suv Rav 4. Problemi tecnici


Il maggiore richiamo dal 2012, quando fu costretta a riportare in fabbrica ben 7,4 milioni di auto. Toyota ha annunciato il richiamo di 6,39 milioni di veicoli a livello mondiale, di cui 1,08 milioni solo in Giappone, a causa di diversi problemi tecnici. Decisione che ha causato contraccolpi per il titolo del colosso automobilistico sul Nikkei di Tokyo.

 Il primo produttore ha spiegato che ci sono in tutto 26 modelli interessati dal provvedimento, tra cui la city car Yaris e il Suv Rav4. I difetti rilevati, tuttavia, non hanno comportato alcun tipo di incidente grave. Quasi due milioni e mezzo di veicoli coinvolti dall’operazione sono negli Stati uniti, 1,09 milioni in Giappone e 770mila in Europa e 62mila in Cina. Il resto è distribuito nel mondo.

L’ultimo maxi-richiamo per la casa giapponese risale al febbraio scorso, quando toccò a 1,9 milioni di Prius, vendute fra il 2009 e il 2014, "rientrare": circa metà di tutte quelle immatricolate nella storia. Nel marzo scorso Toyota ha accettato di pagare 1,2 miliardi di dollari negli Usa per chiudere cause penali. Nel 2009 e 2010 i richiami di Toyota sono stati 12 milioni a un costo di 2,4 miliardi di dollari.

Tags:
toyotamodellirichiami
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.