A- A+
Economia
Allo Stato servono 30 miliardi. Tasse più alte (con il 'trucchetto')


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


C'è una cifra che il governo Renzi tiene segretissima. E non vuole assolutamente rilevare per non creare allarme e non spaventare i mercati finanziari. Finora da Palazzo Chigi e dal ministero dell'Economia hanno assicurato che per la Legge di Stabilità servono dai 15 ai 17 miliardi di euro e che l'esecutivo non metterà nuove tasse, finanziando il tutto con i tagli della famigerata spending review. Ma come stanno davvero le cose? Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, la cifra di cui lo Stato ha bisogno per il prossimo anno, considerando gli ultimi, pessimi, dati sulla crescita economica negativa, è di 30 miliardi di euro. Insomma, circa il doppio di quanto viene dichiarato ufficialmente. Il premier e il ministro Padoan hanno ribadito che non metteranno le mani nelle tasche degli italiani. Formalmente no. Ma, sempre secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, l'aumento delle imposte, seppur indirettamente, ci sarà. Come? Il 'giochino' è semplice. Il governo taglierà ulteriormente i fondi agli enti locali, in particolare ai Comuni, di qualche miliardo di euro, per poi alzare l'asticella delle aliquote per le tasse locali - dall'addizionale Irpef alla Tasi, solo per fare qualche esempio - dando così ai Comuni la possibilità di aumentare il prelievo sui cittadini rientrando così di quei fondi che non arriveranno più dallo stato centrale. In questo modo politicamente Renzi è salvo, perché non è lui ad alzare la tasse, ma di fatto la pressione fiscale sui cittadini aumenta.

Tags:
tasserenzi30 miliardi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’

Nuova Mercedes AMG GT Coupe’4, sempre più ‘sartoriale’


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.